Home Politica Viterbo, “volgarità” in consiglio comunale, Micci (Lega):”C’è un deficit di “educazione” istituzionale preoccupante, vanno messe al bando volgarità, parolacce e offese tra colleghi”
Viterbo, “volgarità” in consiglio comunale, Micci (Lega):”C’è un deficit di “educazione” istituzionale preoccupante, vanno messe al bando volgarità, parolacce e offese tra colleghi”

Viterbo, “volgarità” in consiglio comunale, Micci (Lega):”C’è un deficit di “educazione” istituzionale preoccupante, vanno messe al bando volgarità, parolacce e offese tra colleghi”

0
0

Cittapaese.it incontra il consigliere comunale della Lega, l’avvocato Andrea Micci,  per una chiacchierata sulla politica cittadina; Micci non nasconde di essere parecchio infastidito dai toni usati in consiglio comunale da numerosi rappresentanti dell’assemblea e soprattutto dal linguaggio usato durante le sedute, sovente inopportuno e volgarotto, come in un chiacchiericcio al bar.

“Si’- sottolinea il consigliere leghista- c’è un deficit di educazione istituzionale preoccupante: ci si accavalla, la discussione è contratta, manca il bon ton ed alcune  uscite offensive nei confronti dei “colleghi” davvero fuori luogo. Stiamo riscrivendo il regolamento del consiglio comunale per evitare che simili episodi accadano ancora”.

“Dobbiamo pensare- conclude Micci- che se non rispettiamo la sacralità della sala del consiglio ed evitiamo anche di dire parolacce o spiritosaggini insulse da matricole durante le riunioni facciamo una pessima figura e ne va della nostra credibilità. Mi batterò affinchè torni la serietà necessaria in consiglio ed il linguaggio ritorni ad un livello consono ad un luogo istituzionale”.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *