Home Politica Viterbo, Vitorchiano, ed ora l’oste-senatur prova a fare il sindaco di campagna, il ritorno inatteso in provincia di “Felicetto” Fusco
Viterbo, Vitorchiano, ed ora l’oste-senatur prova a fare il sindaco di campagna, il ritorno inatteso in provincia di “Felicetto” Fusco

Viterbo, Vitorchiano, ed ora l’oste-senatur prova a fare il sindaco di campagna, il ritorno inatteso in provincia di “Felicetto” Fusco

0
0

Sinceramente non ci saremmo mai aspettati che un senatore della Repubblica, membro della commissione difesa e della commissione di vigilanza rai  avesse avuto l’idea piuttosto balzana, di candidarsi, ancora  in pieno mandato, a sindaco di Vitorchiano.

La cosa sarà perfettamente legittima e possibile, ma il gesto è sconvolgente, dalla politica nazionale con mire governative in un partito in testa ai sondaggi ad amministratore di un paesino con poche migliaia di abitanti che negli ultimi anni aveva avuto, a prescindere dalle appartenenze politiche, anche un primo cittadino che si era ben disimpegnato e che ripresentandosi ha ottime possibilità di riconferma.

Non si capisce perchè il senatore della Lega Umberto Fusco abbia sentito la necessità di tornare ad essere l’oste-senatur Felicetto, in Razzi style post-etrusco, abbandonando la strada della legittimazione da politico nazionale.

Una mossa provinciale ed un po’ patetica soprattutto se associata all’ambizione di ricompattare il centrodestra (quello all’acquacotta, viterbese) proprio lui che invece è stato con il suo partito il grande sconfitto del rimpasto (si fa per dire) di Arena che tanto ha tolto alla Lega e persino il vicesindaco.

Quale idea balzana competere in un comune piccolo piccolo battuto già in partenza dalle  previsioni tra l’altro? E brindare poi con Sgarbi alla presentazione della candidatura?

Roba davvero da periferia depressa, eppure un senatore tanto potrebbe fare di più utile e prestigioso per la sua terra, e di livello, che giocare a fare il sindaco di campagna, queste sarebbero cose da Felicetto, ma non da Umberto Fusco.

(p.b.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *