Home Politica Viterbo, Viterbo al telefono”: “‘A Mauro guarda che vengo dar piccì…. li schiaffi li devo pija sempre io e Cortile sta zitto e bono”
Viterbo, Viterbo al telefono”:  “‘A Mauro guarda che vengo dar piccì…. li schiaffi li devo pija sempre io e Cortile sta zitto e bono”

Viterbo, Viterbo al telefono”: “‘A Mauro guarda che vengo dar piccì…. li schiaffi li devo pija sempre io e Cortile sta zitto e bono”

0
0

 ‘ A Mauro, ma che stai a telefonà a Maurizietto?
Sì, perché non è che posso ‘sta a risponne tutti li giorni a Istrici e a Insalatini e poi mo scappa fori pure Michelozzi a rompe le palle co’ ‘sti sordi pe ‘l Natale… Maurizietto deve dì a Cortile che il sinnaco è lui e non pò fà sempre il pesce in barile. Ma l’hai visto domenica come se pavoneggiava a ‘l tiggitrelazio? Cemo la piscina, il centro federale… Tutto in gloria sua e pe li cavoli sua e del su partito! C’era pure il senatore Marelli, bono quello! ’A Franze, sò anni che conoscemo e, credime, non me piace disturbà Maurizietto, lo so che è il numero 2 di Lucia Cocomeri, il prossimo presidente del consijo, però non è che li schiaffi li devo pija sempre io e Cortile sta zitto e bono. Se deve pija le su responsabilità, ‘sto fregnacciaro!

Da dove vengo io?

Dar piccì, dalla sinistra…

La propaganda è tutto, il vecchio piccì c’aveva l’ufficio stampa e propaganda, pure a livello provinciale. Pure Marietto ha frequentato il partito, certi meccanismi li conosce bene. Co’ Istrici e Insalatini ciai perso pure troppo tempo, mo basta. Tra ‘mpo’ Istrici tirerà fori ‘nantra storia, deve fà vedè che è sempre sul pezzo. A Insalatini, se insiste, je ricordamo de quanno diceva che ‘l governo aveva stanziato ‘na barcata de sordi pel Palazzo del Cardinale. Tu l’hai visti tutti ‘sti sordi? E’ ‘n bel fenomeno Insalatini, come tutti quelli eletti co’ Cicala, da Di Paio in giù! Comico lui, comici loro.

Ecciai ragione Franze, ma Michelozzi…

E’ l’ultima cartuccia. E poi, un giorno o l’altro, qualcuno dovrà pure dì che ‘sto Pavarotti de noantri in consijo comunale se vede ben poco. Se non fosse pe Marietto che je pubblica in esclusiva tutte le sparate, nessuno si accorgerebbe che esiste. Giusto adesso che il consijo comunale è in remoto se vede ‘mpo’ di più, lo sgomento…

‘A Franze, sei proprio ‘na testa, di nome e di fatto!

Lo so, che ti credi, io sò ‘n artista, anche della politica, che è un’arte minore. Io invento, dipingo, compongo musica, scrivo poesie, sono un performancer, un videoartista, un nuovo Marinetti, un nuovo Majokovskij, un nuovo Carmelo Bene… Io creo, io sono Dio! Altro che Michelozzi!

E sei gajardo, l’ho sempre detto!

Riassumendo: basta botta e risposta, comunicati e robbe simili. Dovessero esserci problemi, co’ Cortile ci parlo io, non c’è bisogno di scomodare Maurizietto. La nostra parola d’ordine deve essere democristiana, anzi andreottiana: Quieta non movere!

Quie… Ecche vor dì?

E’ latino: non muovere le cose tranquille. Non solo ero del piccì, ma ho fatto pure il liceo.

Nessuno è perfetto!

(Vittorio Stress)

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *