4 Ottobre 2022

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, verso le comunali, si parte con il trash, eccolo Lukashenko Cimino che dà ordine al suo informe scagnozzo di partire con la disinformazione kalashnikov

1 min read

Povera Viterbo, oppressa dai monopoli dell’ignoranza, dalle immagini della deformità, dalle vere mafiette della disinformazione kalashnikov: l’informe, pachidermico buffone, il testimonial della mancanza di sale in zucca, il più decadente scribacchino che la storia patria ricordi si erge a uomo della provvidenza che tutto sa e tutto vuole condizionare,  col suo gazzettino pedestre. Ma più che uomo della Provvidenza potrà essere al massimo sagrestano di una parrocchia canepinese, scagnozzo a tassametro, cacofonica e cacografica macchietta da sagra della porchetta.

Che poi vuole dire e fare lui che sono anni che fa killeraggio contro gli oppositori del suo padrone, che riceve finanziamenti corposi per avanspettacolo dialettale, che si permette di dire e di giudicare solo per sua particolare convenienza, che pensa di esistere, ma fuori del suo rione si arresta la sua fama.

Vogliono una campagna elettorale sporca, confusa, dove poter mescolare le carte e imporre il proprio gioco, ma la città è stanca di padroni e veline, vuole libertà, aria pura, lavoro, giustizia sociale, non più sfruttamento del lavoro e traffico inverecondo di influenze.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.