Home Cronaca Viterbo, verso le comunali, la mafia viterbese esiste, va tenuta lontana dalla politica, meglio non candidare chi ha avuto qualsiasi contatto con la criminalità
Viterbo, verso le comunali, la mafia viterbese esiste, va tenuta lontana dalla politica, meglio non candidare chi ha avuto qualsiasi contatto con la criminalità

Viterbo, verso le comunali, la mafia viterbese esiste, va tenuta lontana dalla politica, meglio non candidare chi ha avuto qualsiasi contatto con la criminalità

0
0

Il processo alla mafia viterbese va avanti, e l’esistenza della stessa non può più essere messa in dubbio: dinanzi ad un fenomeno criminale che ormai riguarda tutta la provincia e che avrà avuto il suo peso, anche rilevante, nella decadenza civica ed economica della Tuscia, non si può restare fermi.

Preoccupano le possibili connessioni con la società civile e la politica, evidenziate già allo scoppiare dell’operazione erostrato: il pericolo è grosso,  in vista delle comunali la criminalità organizzata cercherà nuovi punti di riferimento, offrendo sostegno per la campagna elettorale e voti, perciò sarebbe assai meglio cominciare con il non candidare personaggi di cui  sono già stati dimostrati i  contatti con la mafia, siano  diretti, indiretti, o indiretti, ed anche eventuali vittime innocenti.

Non si può mai sapere un politico vittima del malaffare se sia ricattabile a tutt’oggi o meno, quale potere possa essere esercitato su di lui, se può mettere in dubbio la sua capacità di scelta e di buona e sana amministrazione.

Perciò in un momento come questo molto meglio formare liste che non abbiano al loro interno personaggi discussi, anche se non perseguibili per reati, non colpevoli di azioni criminose attive: liste che opportunamente  in generale dovrebbero prima essere approvate dalle autorità competenti per le specchiate figure dei loro componenti.

(0)