Home Politica Viterbo, tramonta la candidatura Troncarelli, troppo impegnativa per un Pd a metà
Viterbo, tramonta la candidatura Troncarelli, troppo impegnativa per un Pd a metà

Viterbo, tramonta la candidatura Troncarelli, troppo impegnativa per un Pd a metà

11
0

Ancora nessun annuncio per quello che concerne il candidato del Pd e del cosiddetto centrosinistra alle prossime comunali: perde ogni giorno di peso e di attualità il nome della consigliera regionale Alessandra Troncarelli, che Panunzi fortissimamente vorrebbe sullo scranno più alto di palazzo dei priori (e anche lei stessa ormai si stava abituando all’idea).

Ma a parte la questione doppi incarichi, sempre scivolosa per un candidato di sinistra, c’è un problema politico non da poco che va emergendo netto: il Pd con un suo candidato, spaccato dalla fuoriuscita di Luisa Ciambella, ha poche possibilità di vedere un suo rappresentante eletto primo cittadino: candidare la Troncarelli avrebbe come immediata conseguenza il dietro front di Forza Italia e Lega dall’ipotesi “larghe intese” perchè entrambe non saprebbero nè potrebbero giustificare ai rispettivi elettori una svolta così clamorosa e improvvisa.

Altra cosa potrebbe essere la convergenza su un nome moderato di Pd, Forza Italia, Lega, magari proveniente da un’area vicina al cdx , che potrebbe far quadrare tutto e far partire con ottime possibilità di arrivo al ballottaggio un cosiddetto esteso inciucione.

Panunzi, che è uomo autoritario quanto scaltro, sta però capendo in questi giorni che l’ipotesi Troncarelli è troppo impegnativa, faticosa e pericolosa per affrontarla da soli e imporla agli altri, e già potrebbe star lavorando su una ipotesi b in stretto collegamento con Marini in primis e Battistoni, che ormai sono suoi punti di riferimento fisso dalle scorse provinciali.

Non è detto che quella appena cominciata sia la settimana decisa per i candidati sindaci, ma qualche prospettiva leggermente più definita la si comincia ad intravedere.

(11)