Home Politica Viterbo, “Sindaco, la gestione della piscina deve essere del Comune, diretta e trasparente”, Luigi Telli (Prc) chiede chiarimenti ad Arena
Viterbo, “Sindaco, la gestione della piscina deve essere del Comune, diretta e trasparente”, Luigi Telli (Prc) chiede chiarimenti ad Arena

Viterbo, “Sindaco, la gestione della piscina deve essere del Comune, diretta e trasparente”, Luigi Telli (Prc) chiede chiarimenti ad Arena

0
0

Siamo ancora in attesa di risposte alle questioni di buon senso civico che abbiamo posto a Sindaco e Giunta nei nostri comunicati del 15 maggio e del 2 giugno. Nel frattempo aggiungiamo un’altra riflessione. Proviamo a essere chiari. La Piscina Comunale è di proprietà della città, cioè è un bene comune, offre un servizio pubblico che garantisce a tutti il basilare diritto allo sport, per cui spese e ricavi dovrebbero essere trasparenti. La struttura peraltro dovrebbe essere il nostro fiore all’occhiello: sale pesi, tanti dipendenti, vasca olimpionica, volume di ingressi incoraggiante. Peccato però che sia stata data in gestione in passato a una società privata romana. Risultato? Incuria, cattiva gestione degli impianti, dipendenti senza stipendio per mesi, debiti di bilancio, licenziamenti, e soprattutto uno “strano” conflitto d’interessi: il gestore de facto di quella società… era un consigliere comunale di Fratelli d’Italia. Passa il tempo, cambia il Sindaco, la Piscina resta chiusa per un po’ e poi il Comune, sempre a maggioranza di centrodestra, appalta la gestione ad un altro ente: la Federazione Italiana Nuoto (FIN). Strana coincidenza, anche stavolta si tratta di una società legata al centrodestra (la FIN è presieduta da Paolo Barelli, senatore di Forza Italia). Ma la vita è piena di stranezze. Ad esempio, è vero che la FIN paga l’affitto della Piscina al Comune, ma le utenze le paghiamo noi: per cui – conti alla mano – per il solo trimestre estivo dello scorso anno il Comune ha incassato 36mila euro di affitto, ma ha pagato 64mila euro di bollette, all’incirca. Un affarone. Secondo esempio: l’accordo fra Comune e FIN prevede che alla scadenza del contratto verranno fatti i conti della serva, e se la FIN risulterà aver incassato meno di quanto ha speso, la differenza ce la metterà il Comune – cioè noi. Stiamo parlando di decine di migliaia di euro delle nostre tasse, che continuano a finire nelle tasche di società private. Riassunto della storia: alcuni politici regalano un servizio pubblico a un privato “amico”, affinché ci possa guadagnare su, con la garanzia che tanto le spese le pagheranno i cittadini. È il teatro dell’assurdo? No, è il Comune di Viterbo. Noi di Rifondazione Comunista siamo da sempre per la gestione diretta della Piscina da parte del Comune, con regole ferree di partecipazione, e trasparenza nelle spese e nelle assunzioni. Aspettiamo di capire da che parte siano i politici della maggioranza e quelli della cosiddetta opposizione.

 

Luigi Telli

Partito della Rifondazione Comunista (Sinistra Europea)

Segretario Circolo di Viterbo

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *