Home Cronaca Viterbo, Provincia, Coronavirus: “Se voleva lanciare un segnale di severità incolpando i nostri 4 positivi, stavolta la Regione Lazio ha sbagliato”, il sindaco di Celleno Bianchi irritato per la “gaffe” della Pisana
Viterbo, Provincia, Coronavirus: “Se voleva lanciare un segnale di severità incolpando i nostri 4 positivi, stavolta la Regione Lazio ha sbagliato”, il sindaco di Celleno Bianchi irritato per la “gaffe” della Pisana

Viterbo, Provincia, Coronavirus: “Se voleva lanciare un segnale di severità incolpando i nostri 4 positivi, stavolta la Regione Lazio ha sbagliato”, il sindaco di Celleno Bianchi irritato per la “gaffe” della Pisana

0
0

Il sindaco di Celleno Marco Bianchi ancora non si spiega come la Regione Lazio abbia potuto considerare i quattro della cittadina risultati positivi al Covid degli irresponsabili che hanno contravvenuto alle regole incontrandosi a pranzo in tempi di divieti: “Sappiamo-spiega Bianchi- che quel pranzo si tenne il 9 marzo, quando ancora c’era libertà di movimento e di aggregazione, poi qualcuno nei giorni seguenti cominciò a non sentirsi bene fino al tampone effettuato dai 4 sabato scorso che ha accertato la loro positività. Ma da loro ripeto non è stata commessa nessuna infrazione, con tutto il lavoro che hanno da fare in Regione avranno confuso le carte, scambiato qualche nominativo, la cosa non si spiega altrimenti”.

“Sono rimasto male e ho fatto le mie rimostranze alla Asl locale perchè si tratta di persone che hanno accolto anche il mio invito a concedere le loro generalità senza problemi, corrette, perbene, che, proprio nel momento difficile in cui si sono trovati ad affrontare un contagio si sono visti anche addossare colpe inesistenti. Sono cose queste che possono togliere la serenità ad un paese in momenti di difficile convivenza con il virus quando nuovi casi, speriamo di no, sono sempre possibili. Se la Regione Lazio voleva lanciare un segnale di attenzione alta e di severità ha sbagliato proprio indirizzo stavolta”.

(r.t.(

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *