Home Cronaca Viterbo, Pronto Marietto?, Rilassamose ‘mpo co’ le classiche parole incrociate, sei lettere… “Individuo sempre disposto a mettersi agli ordini di un potente”, Lacchè!
Viterbo, Pronto Marietto?, Rilassamose ‘mpo co’ le classiche parole incrociate, sei lettere… “Individuo sempre disposto a mettersi agli ordini di un potente”, Lacchè!

Viterbo, Pronto Marietto?, Rilassamose ‘mpo co’ le classiche parole incrociate, sei lettere… “Individuo sempre disposto a mettersi agli ordini di un potente”, Lacchè!

0
0

Pronto, Marietto?

‘A Valè, che te serve? Eh, eh, eh!

E non scherzà, deocaro, che la situazione è preoccupante! Ieri ho fatto al tu sito quelle dichiarazioni, in esclusiva o quasi, che lunedì avrei comunque chiuso ‘le scole senza aspettà che uscisse ‘sto cacchio de dippicciemme de Principe. Aprite cielo! Li studenti, ‘l provveditore, quer cazzaro de ‘l avvocato e pure quella sciogherl di Camilla Dentini hanno iniziato a rompe li cujoni! Oh, non faccio niente e protestano, fò quarcosa e protestano uguale! E metteteve d’accordo cor cervello!

Mappure tu, scusa se te lo dico, sei contradditorio. Prima fai ‘sta sparata alla Rudy Giuliani..

Rudy chi?

L’ex sinnaco di Niuiorc, un duro…

Ah sì, me pare d’avè ‘nteso parlà de costui…

…e poi fai ‘n comunicato dove dichi che convochi onlainne la riunnione de ‘li sinnaci pe decide se chiude le scole e te complimenti co’ ‘l provveditore e ‘li studenti perché rispettano rigidamente ‘li protocolli. ‘A Valè, questa è una vera e propria aporia! Eh, eh, eh!

Apo che?

Dài, che hai capito…

Più o meno… Però, Mariè, io ho seguito ‘li consiji che m’hai dato, me so dato ‘na pattina de deprisionista!

Semmai una patina di decisionista…

Sì, vabbè, quella robba lì… A volte penso che era mejo a ‘l tempo del mi poro padre, quanno ‘l provveditore, che era della diccì come il sinnaco, non apriva bocca e jannava bene tutto, altrimenti lo mannavano in Sardegna, e ‘li studenti studiavano zitti e boni e non stavano a rompe la cuja!

Eh, eh, eh! Altri tempi, Valè, altri tempi… Ora bisogna sfruttare le ambiguità della comunicazione, come diceva Karl Popper, e…

Karl chi? Ma chi è, ‘nantro communista?

…usare i media in maniera spregiudicata. Il comunicato ufficiale annulla la sparata, le decisioni della riunione de ‘li sinnaci annullano il comunicato e così via. Non è importante quello che dichi oggi, tanto domani dichi ‘nantra cosa e nessuno più si ricorda di quella di ieri. E così all’infinito! Eh, eh, eh! Chiaro?

‘A Mariè, me sta a venì ‘l maldetesta, ma me pare d’avè capito… E pe la movida, che dichi de fà?

Aspetta ‘sto benedetto dippicciemme e regolati. Qui puoi fà ‘na bella sparata, pro o contro, tanto la legge non la cambiano di certo perché ‘l sinnaco Cortile è contrario.

Sei proprio cacchiavellico!

Machiavellico, Valè, machiavellico…

Sì, quella robba lì. Piuttosto, Mariè, ma che stai a ricomincià co’ la storia del degrado, de Ammersterdamme… ‘Na cosa pe volta, mannaggialamiseria! Mo emo sistemato o quasi ‘l centro storico, poi pensamo a risolve pure li problemi dele frazioni, essibono!

Ma è un pungolo…

Un pun che? ‘A Mariè, capimose, io sto al gioco, però non esagerà, lasciame ‘mpo’ respirà, che piano piano metto apposto ‘gni cosa!

Mica ciai l’eternità davanti, tra meno di tre anni si vota. O forse pure prima. Eh, eh, eh!

Ecco, pure co’ ‘sta storia della crisi basta! Non te ce mette pure tu, che Santarelli e tutti ‘laltri fregnacciari già me rendono la vita difficile! Damme ‘na tregua, che ‘n qualche modo poi se rifamo.

Vediamo, Valè, vediamo: il giornalismo ha le sue leggi. Eh, eh, eh!

Sì, le leggi della iungla! Mannamo Mariè!

Eh, eh, eh! Vediamo, vediamo. Eh, eh, eh!

Vabbè, te saluto, ce risentimo, ciao Mariè.

Ciao Valè, a buon rendere. Eh, eh, eh!

Ciao, ciao. Ma che cacchio ciavrà sempre da ride ‘sto fregno, boh… Rilassamose ‘mpo co’ le classiche parole incrociate! Allora: sei lettere… “Individuo sempre disposto a mettersi agli ordini di un potente”. Lacchè! Questa volta non ho sbagliato! Ma che vor dì lacché? La prossima volta lo chiedo a Marietto, lui è ‘n intellettuale, ‘sti termini li conosce.

(Vittorio Stess)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *