Home Cronaca Viterbo, Palazzo dei Papi, un’icona ignorata dalla paleo-politica viterbicola
Viterbo, Palazzo dei Papi, un’icona ignorata dalla paleo-politica viterbicola

Viterbo, Palazzo dei Papi, un’icona ignorata dalla paleo-politica viterbicola

2
0

Risulta strano verificare ancora una volta che, nonostante la città precipiti sempre più in basso da qualsiasi angolazione la si guarda, nessuno pensi ad organizzare una ripartenza turistica ben studiata e ragionata  che abbia Palazzo dei papi come icona e “principio ispiratore”.

Non si riesce a capire come l’unico simbolo attorno a cui costruire un’immagine degna della vetus urbs venga puntualmente ignorato dalla paleo politica viterbicola che lascia precipitare capoluogo e cittadini un un vortice di dilettantismo arrogante e di masochismo pregiudiziale che offende le intelligenze di tutti.

Orvieto  ha il Duomo, Pompei ha il Santuario, Viterbo ha il palazzo dei papi, non solo stradine fatiscenti abbandonate a se stesse in un centro storico patria ormai più  di moleste ubriacature che di cultura.

Non esistono altre strade che sottrarre Palazzo dei Papi e piazza san lorenzo alle sagre di paese e usare il tutto come principale attrazione turistica.

Poi viene san pellegrino, poi un centro storico “da bere”, che però non potrà mai essere tale se invaso dal parcheggio selvaggio e dalle macchine ad ogni ora.

Se la politica viterbicola continua a ragionare in maniera così miope, pensando al piccolo tornaconto personale, alle mance e alle mancette, sarebbe il caso lo dicesse chiaramente in modo tale che la chiusura verso il mondo esterno possa essere almeno ufficiale e definitiva.

(p.b.)

(2)