Home Cronaca Viterbo, omicidio di Santa Lucia: Ermanno Fieno condannato a 15 anni di carcere
Viterbo, omicidio di Santa Lucia: Ermanno Fieno condannato a 15 anni di carcere

Viterbo, omicidio di Santa Lucia: Ermanno Fieno condannato a 15 anni di carcere

0
0

Ermanno Fieno è stato condannato a 15 anni di carcere e a tre di libertà vigilata per omicidio volontario e occultamento di cadaveri. Il 46enne di Santa Lucia, quartiere della periferia di Viterbo, che ha ucciso la madre, Rosa Franceschini, 77 anni trafiggendola con un attizzatoio, un arnese utilizzato per il caminetto, e di aver nascosto entrambi i corpi dei genitori deceduti, sconterà la sua pena nel carcere Mammagialla nel capoluogo dell’Alto Lazio. La sentenza è arrivata oggi, martedì 2 aprile ma i giudici non gli hanno riconosciuto la seminfermità. Per Ermanno Fieno la procura aveva chiesto 30 anni, con l’aggravante del rapporto di parentela che intercorre tra il carnefice e le vittime, suoi genitori. Tuttavia il 46enne ha visto la sua pena scendere a 20 anni, grazie all’assistenza del suo legale difensore Roberto Massatani che ha scelto per il suo caso il rito abbreviato condizionato dalla perizia psichiatrica, poi ridotta ancora a 15 anni dal giudice delle indagini preliminari Cialoni. Ermanno Fieno lo scorso marzo ha confessato l’omicidio davanti al pubblico ministero. Secondo gli inquirenti, avrebbe ucciso la madre per questioni di pensioni: lui avrebbe voluto continuare a usufruire della pensione del padre appena morto, mentre la madre si sarebbe rifiutata. Rifiuto dal quale sarebbe nata una violenta discussione, sfociata poi nell’omicidio.

Ermanno fieno uccide la madre e nasconde i cadaveri dei genitori

I fatti risalgono al 28 novembre 2017, quando l’uomo, poco dopo la morte del padre, Gianfranco Fieno, 83 anni, avvenuta per cause naturali, ha ucciso ma madre e ha nascosto i cadaveri di entrambi. Prima li ha avvolti nel cellophane, poi li ha chiusi all’interno della loro camera matrimoniale, dove sono rimasti per due settimane. Nel frattempo, ha raccontato bugie alla sorella per giustificare l’assenza dei genitori, dicendole che si trovavano in una clinica per anziani. Ma la donna, preoccupata, ha avvisato le forze dell’ordine, che sono intervenute. I due corpi sono stati rinvenuti nella serata del 13 dicembre dello stesso anno, mentre il 46enne è stato fermato due giorni dopo nella stazione di Ventimiglia, mentre stava cercando di scappare all’estero e rifugiarsi in Francia. Ermanno Fieno inizialmente è stato arrestato con l’accusa di duplice omicidio fin quando dai risultati dell’autopsia svolta sulle salme dei genitori non è emerso che era responsabile solo dell’omicidio della madre mentre la morte del padre non era riconducibile a lui. (romafanpage)

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *