Home Politica Viterbo, Nocchi, nocchie e clientele di regime: cronache di una provincia occupata manu militari e di capataz spregiudicati e vincenti (?!)
Viterbo,  Nocchi,  nocchie e clientele di regime: cronache di una provincia occupata manu  militari e di capataz spregiudicati e vincenti (?!)

Viterbo, Nocchi, nocchie e clientele di regime: cronache di una provincia occupata manu militari e di capataz spregiudicati e vincenti (?!)

0
0

E’ un momento particolare per Viterbo e provincia che non aveva mai conosciuto un’ occupazione manu militari come quella che sembra riuscire al consigliere regionale Panunzi, il “Lukaschenko dei Cimini”,  che ha instaurato un vero e proprio regime totalitario, riducendo al silenzio con clientele e compravendite anche tutti i già scialbi e piuttosto servili organi di informazione.

Dinanzi ad un caso così eclatante di dittatura morbida viene sempre da chiedersi  se sia il tutto più merito dell’abilità dell’uomo solo al comando o demerito di cittadini troppo passivi e di altre forze politiche incapaci di tenere il passo. Probabilmente la verità sta nel mezzo, la spregiudicatezza paga in politica di questi tempi specie se messa in opera da scaltri politicanti di lunga navigazione, è anche vero che il livello però delle classi dirigenti e dei pensatori in tuscia non è mai stato  così infimo, che la mancanza di talento, coraggio e conoscenza mai si era  inabissato in maniera così patologica come adesso.

La politica dei capataz che ha lanciato in orbita solo comodi imbecilli ha portato allo stato in cui siamo in cui addirittura un presidente di provincia si permette  in pieno covid di lasciarsi imporre dal suo capo-dittatore- l’assunzione di una segretaria per il vice presidente ex consigliera pd in consiglio a caccia di sistemazione.

Chiaro esempio di provincia mafiosetta e depressa, più che altro defunta, dove un politico di paese con un po’ di faccia tosta e tanto pelo sullo stomaco può addirittura diventare re incontrastato.

(pasquale bottone)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *