Home Politica Viterbo, le battaglie in consiglio comunale del giustizialista Barellik Giacomo “Di Pietro de Veterbe” infiammano la città
Viterbo, le battaglie in consiglio comunale del giustizialista Barellik Giacomo “Di Pietro de Veterbe” infiammano la città

Viterbo, le battaglie in consiglio comunale del giustizialista Barellik Giacomo “Di Pietro de Veterbe” infiammano la città

1
0

Da quando è partita la guerra contro Arena  del gazzettino stra-local anti-sistema per eccellenza, l’unico giornale che si autofinanzia e combatte battaglie contro la cattiva politica e il degrado culturale e sociale cittadino, con una sincerità d’intenti ed una efficacia straordinarie, Barellik Giacomo Di Pietro de Veterbe non è più nei panni: studia notte e giorno gli storici interventi  in cui esibirsi in consiglio comunale contro la nemica giunta,  si fa portavoce dei giustizialisti cittadini contro il crescente disastro etico e politico.

E ieri il suo attacco alla amministrazione alla ricerca della verità sul caso Contardo avrebbe meritato le telecamere di “Un giorno in Pretura”: con la sua calata viterbicola stretta e le sofisticate parentesi ( e che cazz, cazz, e però cazz, cazz!) che inserisce nei suoi discorsi Barellik di Pietro de Veterbe è il rappresentante di tutti i cittadini oppressi da  un sistema poco trasparente e malvagio, iniquo e familistico, poco inclusivo e arrogante.

D’altronde chi potrebbe difendere le loro istanze se non lui che rifiutò ogni  incarico politico che gli venne offerto, che si tenne ben lontano dall’ufficio legale di ogni fondazione possibile, che mai fu presidente di associazioni culturali che ricevessero un solo euro di pubblico finanziamento, e sempre si tenne alla larga  da ruoli pubblici e battaglie per quello o quell’altro partito, per quella o quell’altra lista civica?

Se non ci fosse lui Viterbo sarebbe abbandonata nelle mani dei più turpi malfattori che lui scopre, combatte e sconfigge nel segno di Tonino Di Pietro, Barellik, Tonino di Pietro de Veterbe.

I viterbesi che amano la giustizia giusta, la verità e combattono ogni inusitato conflitto d’interessi si abbatta sulla città non possono che stare dalla sua parte e ringraziarlo per la sua intrepida, costante, ininterrotta azione.

)p.b.)

(1)