5 Dicembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, la nota: quale turismo? Provinciale o nazionale? Importante decidere ed eliminare intanto il “parcheggio selvaggio”

1 min read

Siamo convinti che la voglia dell’assessore De Carolis di lavorare ad un rafforzamento dell’immagine turistica della città sia reale, ma sono tante le cose che ancora “non girano intorno”: innanzitutto bisognerebbe capire quale dovrebbe essere il target di riferimento dei potenziali visitatori,  se provinciale o nazionale (ed oltre), le cose cambiano notevolmente.

Il turismo provinciale magari potrà anche sopportare il parcheggio selvaggio nelle maggiori piazze cittadine, accontentarsi della festa sagra per palati meno esigenti, quello nazionale vuole una città dal volto definito da scegliere eventualmente, eventi di qualità ed originali,  non solo format presi e riciclati senza neanche una volenterosa personalizzazione, una promozione degna ed una città “leggibile” come indicazioni, facile da scoprire e conoscere in profondità.

Qui siamo ancora al livello che non si sa ancora cosa scegliere come icona simbolica cittadina, il Palazzo dei Papi e San Pellegrino, che sono le uniche spendibili, non vengono neanche presentate degnamente e segnalate come meritano.

Quindi se si vuole parlare del turismo curioso, di passaggio , mezza giornata o anche una e via, il discorso può essere anche semplice, perchè trattasi di fenomeni casuali e residuali che vivono una vita autonoma e che non provocano sviluppo.

Se parliamo di progetto turistico serio e compiuto non è che basta il video-spot, la buona volontà di quello o quell’altro, il darsi da fare da dopolavoro ferroviario: ci vogliono managerialità, idee professionalità e non la solita pretesa ormai patetica oltre che anacronistica di autosufficienza cittadina.

(pasquale bottone)

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.