8 Dicembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, la morte di Aurora: ora non resta che aspettare i risultati dell’autopsia, ma intanto mezzi e personale continuano ad essere insufficienti al Belcolle

1 min read

Dopo i funerali che si sono tenuti ieri nella Chiesa di San Flaviano a Montefiascone,  la dichiarazione garantista dell’avvocato della famiglia Grazini e la solidarietà che in tanti hanno espresso al primario del pronto soccorso del Belcolle Angelini, si attenuano leggermente le polemiche sulla morte della giovane Aurora, in attesa dei risultati dell’autopsia.  Questa,  disposta dalla Procura, è stata svolta  sulla salma della giovane martedì scorso dalla dottoressa Benedetta Baldari alla presenza dei medici legali che rappresentavano la famiglia Grazini e il primario Angelini: ora i familiari non hanno che aspettare per fare chiarezza sulle cause che hanno provocato il decesso.

Ciò che vogliono capire gli inquirenti che indagano sul caso, è se a uccidere Aurora sia stato un malore improvviso e imprevedibile, o se sussistano eventuali negligenze da parte del personale sanitario che si è occupato di lei al pronto soccorso del nosocomio del Viterbese, da capire, insomma,   se sia stato tralasciato qualcosa che avrebbe permesso alla giovane di salvarsi.

Sono però stati diversi i casi di morti non chiarite negli ultimi tempi al Belcolle e la mancanza di mezzi e personale pare cominci, nonostante grande impegno e professionalità diffuse, a divenire preoccupante.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.