Home Cronaca Viterbo, il mistero dei 400mila euro chiesti da De Carolis per le festività chissà quale spartizione nasconde, la sete di potere e di business di Fdi
Viterbo, il mistero dei 400mila euro chiesti da De Carolis per le festività chissà quale spartizione nasconde, la sete di potere e di business di Fdi

Viterbo, il mistero dei 400mila euro chiesti da De Carolis per le festività chissà quale spartizione nasconde, la sete di potere e di business di Fdi

0
0

Una città in piena crisi dove l’amministrazione comunale  non riesce ad approvare un bilancio a fine ottobre, con i rifiuti che sono ancora legati  ad un appalto  ponte, la disoccupazione alle stelle, il degrado urbano e morale in ogni dove.

E’ strano che in un periodo del genere, in piena emergenza Covid, un assessore si alzi e chieda quasi 400mila euro per organizzare un natale cittadino che ci sono molte probabilità, a quanto affermano i virologi,  che si svolga in regime di lockdown.

E’ chiaro che un accordo del genere in maggioranza parte da lontano, chissà quale spartizione nasconde, quale campagna elettorale passata e  futura per le amministrative, quale scelta di candidato sindaco, e così via discorrendo.

L’interesse generale non esiste, ci sono clientele da assistere, amici degli amici da far sopravvivere in qualche modo e questo senza alcun legame con un progetto, un’idea, un esercizio di creatività anche isolato.

Tutto si fa a Viterbo per i voti,  i finanziamenti per la cultura, l’arte, lo spettacolo, ruotano solo in relazione a ciò: il palazzo alla mercè di business men di piccolo cabotaggio, liste di disoccupazione lunghissime in consiglio comunale.

La nausea che viene dal’appurare quotidianamente che currucula, esperienze, talento, in questa città nulla contano per questa amministrazione di diseredati procacciatori ( per sè e i propri amici) di oboli pubblici.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *