Home Cronaca Viterbo, il libro di Palamara, silenzio assoluto del procuratore Auriemma e di tutti i magistrati viterbesi
Viterbo, il libro di Palamara, silenzio assoluto del procuratore Auriemma e di tutti i magistrati viterbesi

Viterbo, il libro di Palamara, silenzio assoluto del procuratore Auriemma e di tutti i magistrati viterbesi

0
0

Non capita tutti i giorni, almeno in Italia, che un libro venda 30 mila copie in meno di una settimana. Specialmente se si tratta, come nel caso di “Il sistema. Potere, politica, affari: storia segreta della magistratura italiana” (Rizzoli) di Alessandro Sallusti e Luca Palamara, di un libro che, oltre a riscrivere la storia delle inchieste giudiziarie che in anni recenti hanno cambiato la storia del nostro paese, svela nei minimi dettagli il vero e proprio mercato che sovrintende alle nomine di vertice della magistratura.

A parte le scontate reazioni delle varie fazioni politiche, la presa di posizione più forte alle rivelazioni dell’ex magistrato è venuta da un gruppo di toghe (finora 34, ma il numero è destinato a crescere nelle prossime ore) che ha firmato un appello in cui si chiedono le dimissioni di Giovanni Salvi e Giuseppe Cascini, rispettivamente procuratore generale della Cassazione e consigliere del CSM, per le accuse che Palamara ha rivolto loro.

Tra i firmatari di questo durissimo appello non stupisce che non risultino annoverati magistrati della procura della Repubblica di Viterbo, a cui, evidentemente, “il sistema” descritto da Palamara con dovizia di nomi, cognomi, dettagli e riscontri va benissimo così.

Ancora meno stupisce il silenzio del procuratore capo della Repubblica Paolo Auriemma che, nonostante trovi il tempo per parlare di discariche abusive sul Tg3 Lazio, da quando è scoppiato il Palamaragate non ha rilasciato nemmeno una blanda dichiarazione per confermare o smentire quello che ha raccontato su di lui, nero su bianco, il suo ex capocorrente (non solo) nel libro scritto insieme a Alessandro Sallusti. Conosciamo la risposta: riferirà a tempo dovuto nelle sedi preposte. Da parte nostra ci auguriamo solo che, quando sarà il momento, lo faccia da semplice magistrato.

(Gustav Briegleb)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *