Home Politica Viterbo, evviva evviva! “Giò il tenerone” regala pesci di Sant’Andrea a tutti i consiglieri comunali (ma “pillole di fosforo” mai?)
Viterbo, evviva evviva!  “Giò il tenerone” regala pesci di Sant’Andrea a tutti i consiglieri comunali (ma “pillole di fosforo” mai?)

Viterbo, evviva evviva! “Giò il tenerone” regala pesci di Sant’Andrea a tutti i consiglieri comunali (ma “pillole di fosforo” mai?)

0
0

Il nonno di tutti i gazzettieri stra-local, che ormai ha fortunatamente appeso la tastiera a un chiodo (a parte un recente e imbarazzante “coccodrillo” sull’attore che ha interpretato il solo Carabiniere amato dai viterbesi), l’aveva ribattezzato il Tenerone. Per non essere da meno a questa sua vetusta fama, il pensionato e sindaco pro tempore Giovanni Maria Arena non perde occasione per esibire questa sua proverbiale tenerezza.

E’ Natale? Giovanni Maria si maschera da Babbo Natale. Sfila la calza della Befana più lunga del mondo? Giovanni Maria la benedice con un’appassionata concione. Si presenta in pompa magna nella Sala d’Ercole (tanto le assemblee elettive, si sa, sono popolate da buffoni) il Carnevale viterbese? Giovanni Maria si mescola raggiante agli eterni, sguaiati e analfabeti narcisi mascherati stra-local.

Finora, però, Giovanni Maria detto il Tenerone non aveva ancora celebrato da par suo Sant’Andrea e il relativo pesce di cioccolata tanto amato dai viterbesi. La seduta fiume del consiglio comunale di ieri è servita soprattutto a colmare questa gravissima lacuna. Immortalato dagli implacabili pennaruli del webgazzettino stra-local più letto dell’universo, Giovanni Maria ha distribuito pesci di cioccolata ai consiglieri che, considerata la lunghezza della seduta, stavano seriamente rischiando dolorose piaghe da decubito.

Quasi mezzo secolo fa, i raffinati di Potere Operaio, in attesa di insediarsi nelle allettanti casematte del Potere Borghese, sostenevano che “democrazia è il fucile in spalla agli operai”. Per il ludico Giovanni Maria, invece, “la democrazia è il pesce di Sant’Andrea nelle bocche dei consiglieri comunali”. Bene bravo sette più, ma il prossimo Sant’Andrea, considerato il livello medio dei cosiddetti rappresentanti del popolo, forse sarebbe meglio distribuire pastiglie di fosforo.

(Adolfo Coltano)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *