6 Dicembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, “Di bluff in bluff”, il Prefetto se ne va, ma la campagna del web-gazzettino continua

2 min read

Ora che, come annunciato, il prefetto Giovanni Bruno è stato sostituito, chissà se la campagna di stampa webgazzettinistica si smorzerà o continuerà finché non verrà irrogata qualche sanzione o innalzato qualche patibolo nei confronti di questo rappresentante dello Stato incorso in non si capisce bene quale gravissimo reato.

Dopo il sindacalista e il leguleio, in questi ultimi giorni il Megadirettore e Megaeditore Galattico ha sfoderato due ulteriori due assi nella manica contro l’ex prefetto di Viterbo.

Il primo è un Megadirettore di nome e di fatto, scovato dal Signorino Grandi Firme a margine della presentazione di un suo (del suddetto Megadirettore) libro.

Pur dirigendo un quotidiano (un Tempo) nazionale e una serie di quotidiani locali, il Megadirettore in questione ha sostenuto che quanto scritto dalla testata viterbese da lui firmata, ossia che l’ex prefetto avrebbe scoperto che alcuni candidati consiglieri alle prossime elezioni comunali viterbesi sarebbero stati in vari modi minacciati, è vero e che, di conseguenza, Bruno aveva il dovere di rivolgersi alla magistratura, eccetera, eccetera.

Questo Megadirettore stra-nazional-local è quindi un Megadirettore che conosce tutte le fonti di tutti gli articoli pubblicati da tutti i giornali che dirige. Roba da Guinness dei primati.

Più che un asso nella manica, un poker di chiacchiere.

Il secondo asso nella manica, però, sarà senz’altro decisivo per un trionfante poker d’assi anti-Bruno, penserà a questo punto il lettore abituato ai gialli televisivi con il fratello di Nick Zingaretti.

Anche in questo caso si tratta di un avvocato, di un altro degli oltre 700 che in loco consumano le suole delle scarpe nei corridoi e nelle aule del locale palazzo di giustizia.

E anche in questo caso non ci troviamo di fronte, malgrado la non più tenera età, a un giurista al livello di Stefano Rodotà, ma solo al legale di fiducia del Megadirettore e Megaeditore Galattico del lettissimo webgazzettino stra-local (100 mila lettori: Valbrembanaweb se li sogna la notte).

L’intervista, che ovviamente è tutta dedicata alla ormai famosa convocazione dei candidati sindaco e alle ancor più famose indiscrezioni di stampa sui candidati minacciati, è tutta un susseguirsi di “avrebbe”, “sarebbe”, “siamo nel campo delle ipotesi giornalistiche”, “voglio immaginare”, “non credo ci sia”, “non conosco nel dettaglio le competenze”, “il che mi lascia un po’ perplesso”, punti interrogativi, ipotetiche e subordinate, affermazioni di ben noti principi, che dicono tutto, ma soprattutto non dicono niente che non sia noto perfino al lettore non avvezzo a leggi e codici.

Giudichi un po’ il lettore abituato eccetera, eccetera, leggendo l’intervista nella sua versione integrale, se pure questo non è, pokeristicamente parlando, l’ennesimo bluff.

Sotto a chi tocca!

(Mario Correnti)

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.