Home Politica Viterbo, covid, contagi in aumento, il sindaco e il presidente tacciono, il patto Panunzi-Rotelli-Battistoni non prevede parlino
Viterbo, covid,  contagi in aumento, il sindaco e il presidente  tacciono, il patto Panunzi-Rotelli-Battistoni non prevede parlino

Viterbo, covid, contagi in aumento, il sindaco e il presidente tacciono, il patto Panunzi-Rotelli-Battistoni non prevede parlino

0
0

Eccoli li vedete in posa assieme per un appuntamento istituzionale, quindi vuol dire che il sindaco Arena e il presidente Nocchi esistono, non sono solo proiezioni della nostra fantasia:  il primo è addirittura la massima autorità sanitaria cittadina (lo è davvero, non è una battuta) l’altro è il massimo garante in provincia dell’accordo tra il   centrosinistra di destra e il centrodestra di sinistra (l’alleanza degli affari trasversali), figuratevi.

Eppure il peso di questi uomini in città è praticamente nullo, Arena ormai fa l’anziano attore di soap opera che passa il tempo fotografando albe, nipoti, tramonti, vecchi e bambini e per una miserabile passerella di inizio anno non rinuncia neanche a posare con la prima nata senza camice e distanza di sicurezza, tanto per far vedere che esiste ed è sempre presente (quando non serve).

Nocchi discute di Talete, organizza incontri tra sindaci, ma più per onore di firma che per altro, tanto per essere lì a rappresentare un gruppo di potere.

Nell’ultima settimana il rapporto tra positivi e tamponi cresce in maniera significativa a Viterbo e provincia e Arena continua a fare il nonno e Nocchi a coltivare la sua terra a Capranica.

Eppure Arena come massima autorità sanitaria dovrebbe spiegarci come vanno le cose, fornire qualche dato, invece sta lì come se fosse un corpo estraneo alla città, perchè l’intesa tra cdx

e cosiddetto centrosinistra prevede forse che non parli, che tutto sia gestito dai Rico boys and girls, che non vi debba essere trasparenza sulla situazione epidemiologica reale.

Ma se un primo cittadino non può fare il suo dovere, stare dalla parte dei cittadini, informarli, stare loro vicino in un momento così difficile che ci sta a fare a palazzo? Non sarebbero più rilassanti, vista anche l’anagrafe, per lui i giardinetti?

(p.b.)

(0)