Home Cronaca Viterbo, Covid, ansia per le condizioni di Fabrizio Bianchini ricoverato in Messico
Viterbo, Covid, ansia per le condizioni di Fabrizio Bianchini ricoverato in Messico

Viterbo, Covid, ansia per le condizioni di Fabrizio Bianchini ricoverato in Messico

0
0

La vicenda di Fabrizio Bianchini tiene in ansia i viterbesi. Il 39enne, fratello di Paolo, ex consigliere comunale di Fratelli d’Italia titolare dell’Osteria del Vecchio Orologio e responsabile del movimento Mio Italia, è ricoverato da oltre una settimana in Messico dopo aver contratto il Covid. Le sue condizioni sono piuttosto gravi e da tre giorni è stato intubato ed è ricoverato in terapia intensiva dopo che ha avuto delle crisi respiratorie. Le notizie dal Messico sono frammentarie. Non è ancora chiaro se il viterbese ha iniziato il ciclo vaccinale. In ogni caso le sue condizioni sono piuttosto serie e il fratello Paolo lo raggiungerà a giorni per seguire più da vicino il decorso clinico. Ma non sarà in Messico prima di giovedì. E’ stato lo stesso ex consigliere comunale a scriverlo su Facebook chiedendo di non pressarlo sulla questione evitando chiamate al telefono.

Ieri ha postato un nuovo messaggio sui Facebook: “Da 15 giorni la mia famiglia e soprattutto Fabrizio lottiamo contro un mostro invisibile, infame e maledetto. Continuate a pregare che le vostre e le nostre preghiere stanno arrivando fino in Messico. Forza Fabrizio”. Sotto, come era già accaduto con il primo post di sabato, centinaia di messaggi a sostegno di Fabrizio, Paolo e di tutta la famiglia da tutta Viterbo e non solo. La Asl è in stretto contatto, insieme alla famiglia, con l’unità di crisi della Farnesina.  Si stanno studiando le soluzioni migliori per far arrivare prima possibile qualche familiare in Messico e si sta valutando anche l’ipotesi, ma per ora tale è, di inviare dei medicinali e delle terapie speciali in centro America. Ma non sarà una cosa facile.

Fabrizio Bianchini è molto conosciuto in città non solo per il locale del fratello. Infatti sono molti i messaggi a suo sostegno. Nei mesi scorsi, a febbraio, aveva deciso di trasferirsi in Messico e si è stabilito nella zona di Playa del Carmen nella zona di fronte all’isola di Cuba dove ha preso in gestione un locale. Le prime avvisaglie del virus sono arrivate un paio di settimane fa, poi il ricovero urgente in ospedale dove la situazione si è aggravata. (fonte https://corrierediviterbo.corr.it/).

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *