30 Settembre 2022

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, Coronavius, quinta vittima in Tuscia, un bidello in pensione di Montefiascone, aveva 67 anni

2 min read

Coronavirus, quinto morto nella Tuscia: è un bidello in pensione di Montefiascone che aveva 67 anni. Coronavirus: un altro decesso a Montefiascone, il secondo, dopo quello del 78enne Lorenzo Guerrini avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì. La vittima, ufficialmente la quinta in provincia di Viterbo (ma ci sono altri tre morti sospette a cui non è stato fatto il tampone), è Ivano Saccarelli. E’ il più giovane di tutti gli altri: aveva solo 67 anni. E’ stato uno dei primi casi positivi accertati nella Tuscia.

Ricoverato il 10 marzo all’ospedale di Belcolle, si era sentito male a casa di familiari che vivono a San Lorenzo Nuovo. Dopo essere stato inizialmente in cura all’ospedale di Acquapendente, fu portato a Viterbo per essere sottoposto a respirazione assistita presso il reparto di terapia intensiva. Era affetto anche da altre patologie. Domiciliato in via delle Grazie, viveva con la moglie. Anche lei è risultata positiva ed è seguita dall’equipe specializzata della Asl.

 

Ivano Saccarelli aveva lavorato come bidello presso le scuole medie della città falisca. Da poco tempo in pensione e grande tifoso della Juventus, amava passeggiare e seguire le partite con gli amici. “E’ un momento molto triste per la nostra città – afferma il sindaco Massimo Paolini -. Non avrei mai voluto, purtroppo, dover registrare questa seconda vittima da coronavirus a Montefiascone. Partecipo con fraterni sentimenti di umana e cristiana vicinanza al dolore della famiglia, alla quale porgo a nome mio personale, dell’amministrazione e di tutta la comunità le più sentite condoglianze”.

Secondo le comunicazioni ufficiali ricevute dalla Asl, il sindaco ha reso inoltre noto che sono saliti a tredici i casi positivi accertati, un numero che probabilmente salirà ancora nei prossimi giorni. Nel frattempo, le persone in quarantena sono trentaquattro. Tra queste ci sarebbero anche due operatori sanitari.

“Non voglio essere pessimista ma i casi positivi al Covid–19 si stanno allargando purtroppo. C’è preoccupazione – ancora il sindaco Massimo Paolini – perché i casi positivi potrebbero salire ancora. A chi è in quarantena voglio rivolgere un pensiero di affettuosa vicinanza. Senza indulgere a facili entusiasmi o addirittura allentare il rigore con il quale abbiamo regolato le nostre azioni quotidiane, vi invito, vieppiù, a rispettare rigorosamente le norme varate dal governo. Io sono certo che la comunità tutta, continuerà a dare a questa guerra quella risposta di civiltà, senso civico, solidarietà e vicinanza morale che finora l’ha contraddistinta”.

Ivano Saccarelli, dicevamo, è la quinta vittima ufficiale in provincia di Viterbo. Le altre, nell’ordine, sono state la 79enne di Bolsena Anna Maria Biancalana, poi una donna di 78 anni di Viterbo, nella notte tra martedì e mercoledì appunto Lorenzo Guerrini e infine Giorgio Formica di 83 anni, il dializzato di Capranica in cura presso l’ospedale Andosilla di Civita Castellana dove sono stati fatti i tamponi a 30 tra medici e infermieri, risultati fortunatamente tutti negativi. (corrviterbo)

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.