Home Cronaca Viterbo, Coronavirus, “Vite in comune”, “Il lockdown è stato un modo per ritrovare gli interessi, la fase 2 mi preoccupa”, parla la docente di francese Flavia Bronchini
Viterbo, Coronavirus, “Vite in comune”, “Il lockdown è stato un modo per ritrovare gli interessi, la fase 2 mi preoccupa”, parla la docente di francese Flavia Bronchini

Viterbo, Coronavirus, “Vite in comune”, “Il lockdown è stato un modo per ritrovare gli interessi, la fase 2 mi preoccupa”, parla la docente di francese Flavia Bronchini

0
0

Approdata a Viterbo dopo essere vissuta tanti anni a Roma nel rinomato quartiere Nuovo Salario, la professoressa di francese Flavia Bronchini è molto nota in città per la frequentazione assidua degli appuntamenti culturali e per il suo amore incondizionato per la “Douce France”: le chiediamo di raccontarci come ha trascorso il lockdown e l’inizio della fase 2: “Ho fatto tantissime cose-confida-letto molti libri, scritto, visto film dimenticati,  alla fine il lockdown si è rivelato un buen retiro per coltivare i miei interessi. Peccato che il pretesto da cui sia partito il tutto fosse inquietante”.

“Ora non posso nascondere di essere preoccupata per la fase 2, mi augurerei che finisse tutto in fretta e me lo auguro di cuore, ma vedo troppa faciloneria in giro e poco senso di responsabilità tra noi cittadini- conclude la Bronchini- non vorrei che la pandemia si trascinasse nel tempo per colpa di noi tutti: io esco pochissimo e resto in zona, solo per portare a spasso i cani. Sono più di due mesi che mi comporto così, non è il mio tipo di vita ideale certo, ma bisogna adattarsi per rispettare le regole, basta solo un po’ di buona volontà.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *