Home Cronaca Viterbo, Coronavirus, “Vite in comune”, “Combattere la pandemia, senza chiudersi in un labirinto”, parla la pittrice di Tarquinia Beatrice Zavattaro
Viterbo, Coronavirus, “Vite in comune”, “Combattere la pandemia, senza chiudersi in un labirinto”, parla la pittrice di Tarquinia Beatrice Zavattaro

Viterbo, Coronavirus, “Vite in comune”, “Combattere la pandemia, senza chiudersi in un labirinto”, parla la pittrice di Tarquinia Beatrice Zavattaro

0
0

“Sono nata a Casale Monferrato,  dal nord ho preso la forza e la freddezza. Vivo in un paese molto particolare dove la gente ha una mentalità ristretta ma la bellezza delle mura etrusche mi fa dimenticare tutto quello che abita in essa”, così si presenta a cittapaese.it Beatrice Zavattaro, pittrice piemontese da anni trasferitasi in riva al mare, in quel di Tarquinia.

Vivo di lavoro insoddisfacente come la maggior parte della popolazione-continua-  poi tutto ciò che c’è dopo il lavoro è magnifico, si lotta sempre ed è importante circondarsi sempre della giusta positività.

La mia “reclusione” da lockdown-continua-   è stata sofferta, introspettiva e dolce. Ho scoperto molti lati di me da combattente che non sapevo di avere,  la mia autostima è cresciuta a discapito di quella che ho per gli altri. La fase 2 ritengo sia solo una presa in giro per tenerci buoni dopo i tanti troppi sbagli fatti. Considero che la pandemia si debba affrontare senza paura e senza tecniche di terrore per non rendere ancora più insicure le  persone, che  già ci pensano da sole a chiudersi in un labirinto.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *