3 Dicembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, Coronavirus, esce di casa e prende a pugni e morsi un vigile urbano, folle gesto a Sipicciano di un “evaso dalla quarantena”

2 min read

Effetti collaterali da quarantena: esce di casa e aggredisce un agente della polizia locale in piazza sotto gli occhi del sindaco. Un quarantacinquenne, rientrato dalla Lombardia una decina di giorni fa, ieri mattina “evadendo” dall’obbligatoria quarantena ha raggiunto la piazzetta di Sipicciano a bordo della sua auto e una volta arrivato è sceso dal mezzo e ha tentato di sferrare un pugno all’agente davanti agli occhi increduli del primo cittadino. Il gesto ha innescato una colluttazione tra i due terminata poi con un morso da parte dell’uomo al rappresentante della polizia locale. Un parapiglia che non è passato inosservato ad una signora, che in quel momento si trovava a passare in piazza, la quale ha prontamente avvisato i carabinieri. Accortosi della mossa della donna il quarantenne, risalito a bordo dell’auto, ha simulato un investimento andando contro la malcapitata, salvo poi scansarla e tornare indietro. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Graffignano a sedare gli animi. “L’uomo è giunto in piazza visibilmente alterato – ha raccontato il primo cittadino Piero Rossi – Cercavamo di capire cosa dicesse ma era impossibile. Aveva ancora qualche giorno di quarantena da fare essendo rientrato dalla Lombardia.  La scena è stata veramente scioccante, è sceso dall’auto cercando di scagliare un pugno contro l’agente che in quel momento era lì con me. Sono stati attimi difficili per tutti, ma l’agente della polizia locale ha saputo tenere il polso della situazione e agire con grande professionalità e sangue freddo. Ringrazio chi è intervenuto avvisando le forze dell’ordine e i carabinieri per la loro tempestività di intervento, tra l’altro in un momento così particolare in cui sono decisamente sottopressione”.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.