Home Cronaca Viterbo, Coronavirus: e al 50esimo giorno da inizio pandemia giunse il Protocollo di “Regolazione degli accessi alla Cittadella della Salute”: Asl Viterbo, il paradiso della sanità pubblica è qui
Viterbo, Coronavirus: e al 50esimo giorno da inizio pandemia giunse il Protocollo di “Regolazione degli accessi alla Cittadella della Salute”: Asl Viterbo, il paradiso della sanità pubblica è qui

Viterbo, Coronavirus: e al 50esimo giorno da inizio pandemia giunse il Protocollo di “Regolazione degli accessi alla Cittadella della Salute”: Asl Viterbo, il paradiso della sanità pubblica è qui

0
0

Ecco,  sono passati quasi due mesi dal primo caso di Covid 19 a Viterbo e oggi 29 aprile   la Asl invia a tutti i direttori/responsabili della Cittadella della Salute una lettera con tanto di “Regolamentazione degli accessi alla stessa Cittadella della Salute” (“al fine di consentire un accesso regolato alla Struttura, nel rispetto delle ordinanze emanate con lo scopo di contenere l’epidemia Covid si dispone quanto segue…).

Eppure proprio oggi avevamo visto un servizio del tg3 regione lazio in cui Viterbo era stata e giustamente descritta come un vero eden,  pochi casi di positività al Covid  19   sanità pubblica su livelli eccelsi: eppure proprio oggi avevamo letto la nota Asl che attestava la presenza di contagi zero in tuscia nelle ultime 24 ore.

Ci coglie di sorpresa sinceramente questa iniziativa cautelativa della asl locale, come se mai si potesse aggiungere alla perfezione già raggiunta una nuova forma…. di perfezione.

Una perfezione che sarà raggiunta invece pare attraverso due fasi: la fase uno prevederà  che l’accesso degli utenti avvenga dal piano terra, tranne per quelli del centro diabetologico che avverrà dal primo come per tutto il personale sanitario (che poi uscirà dal piano terra) che all’ingresso vedrà vigilantes pronti a rilevare loro la temperatura.

Al piano terra invece schierati due portieri, uno che rileva la temperatura e fornisce la mascherina agli utenti che ne sono sprovvisti, l’altro che fa da punto informativo ed orienta i percorsi.

La sala Cup potrà ospitare una concentrazione massima di persone pari a 18 utenti seduti che poi saranno chiamati uno per volta nella postazione loro riservata, mentre  tutte le altre saranno destinate ai prelievi. Quando il Cup potrà prenotare i prelievi in maniera che gli accessi siano cadenzati ogni 10 minuti, allora si entrerà nella fase 2.

In sostanza oggi 29 aprile è stato consegnato il Protocollo della Regolazione degli accessi alla Cittadella della Salute.

Visto che siamo al 50esimo e passa giorno di pandemia, come ci si è comportati dalle parti della Cittadella della salute fino ad ora?

Si è andati avanti grazie al prodigioso intuito e alla prontezza di spirito celestiale di angeli capaci di allontanare il male da ogni struttura viterbese Asl con un semplice protettivo e benedicente battito d’ali?

Confermiamo, comunque, il Paradiso della Sanità Pubblica deve essere qui in terra di Tuscia, nella soave e serafica vetus urbs.

(p,b.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *