Home Cronaca Viterbo, Coronavirus, cittapaese.it ricostruisce in dettaglio il “caso Palazzo di Via Monte Bianco”: non ci lasceremo intimidire da quattro “servi sciocchi” e accetteremo solo eventuali “smentite ufficiali” della Asl
Viterbo, Coronavirus, cittapaese.it ricostruisce in dettaglio il “caso Palazzo di Via Monte Bianco”: non ci lasceremo intimidire da quattro “servi sciocchi” e accetteremo solo eventuali “smentite ufficiali” della Asl

Viterbo, Coronavirus, cittapaese.it ricostruisce in dettaglio il “caso Palazzo di Via Monte Bianco”: non ci lasceremo intimidire da quattro “servi sciocchi” e accetteremo solo eventuali “smentite ufficiali” della Asl

6
0

Visto che fare libera informazione in questa città è diventato sempre più difficile, e quanto più cerchi la verità più alcuni giornaletti di regime cercano di insultarti per farti tacere, ricostruiamo la vicenda del palazzo di Via Monte Bianco che è stata al centro del nostro articolo che tutto è fuorchè una bufala (chi lo ha definito così comunque non fa testo perchè non saprebbe neanche impastare una piccola ricotta da pecoraio).

Oggi pomeriggio ci chiama una nostra fonte abituale che ci svela che da quello che aveva visto lui quella stessa mattina c’era stato un po’ troppo movimento dalle parti di Via Monte Bianco con l’arrivo di una ambulanza ed il trasporto di una anziana donna in ospedale (coronavirus?): ne prendiamo atto in attesa di ulteriori conferme. Apprendiamo così che proprio nella stessa mattinata di oggi, nello stesso palazzo ( di cui per rispetto della privacy dei cittadini non sveleremo certo il numero) una famiglia era stata messa in quarantena: ovviamente colleghiamo le due cose anche perchè ci viene riferito che la donna appartenente alla suddetta famiglia sarebbe rientrata appositamente in anticipo dal lavoro perchè informata del provvedimento preso in ufficio.

A questo punto “gira voce” che la preoccupazione legittima degli altri inquilini (una anziana portata via in ambulanza, una famiglia in quarantena) avesse  convinto la Asl a mettere in quarantena l’intero palazzo a scopo cautelativo: la tentazione c’è, ma alla fine viene deciso di isolare l’intero pianerottolo dove vivevano sia l’anziana donna ricoverata d’urgenza (sia la sua badante rimasta a casa) che la famiglia di cui ci siamo prima occupati: in attesa di verificare le condizioni dei componenti della famiglia e della stessa badante di lì a 24 ore.

Quindi il palazzo di Via Monte Bianco sarebbe stato colpito da un caso di coronavirus ed ospiterebbe una  assistente domiciliare ed un intero nucleo familiare in quarantena, roba che potrebbe convincere un intero condominio ad auto-isolarsi, soprattutto dopo che rumors bene informati davano anche il marito della donna rientrata dall’ufficio di corsa febbricitante.

A questo punto per la salute pubblica più che diffondere allarmi vengono in mente domande a tutela del comune cittadino:

  1. Se è vero che l’anziana donna trasportata in ospedale, come più che probabile, è affetta da coronavirus, aveva vissuto prima un periodo di quarantena?
  2. Perchè lo aveva vissuto con lei la sua badante?
  3. La famiglia abitante sullo stesso pianerottolo non era stata informata del caso?
  4. Se la famiglia era stata informata del caso perchè  è stata messa in quarantena solo stamattina? E perchè la donna di casa continuava a recarsi in ufficio?

 

Cittapaese.it non procura allarmi a nessuno, non ne ha mai avuto intenzione nè interesse, ci autoproduciamo con pochissima pubblicità, nonostante le visite numerosissime che registriamo ogni giorno, appunto perchè non facciamo parte di giri chiusi, lobbiette di anacronistica provincia e a Viterbo se sei libero ti sparano da tutte le parti e mirano a toglierti anche l’acqua per bere e l’aria per respirare.

Io personalmente, però, certo non mi farò intimidire dallo squallida accolita di pecorai di turno che si sta già miseramente mostrando per quello che è: abbiamo registrato strani accadimenti, abbiamo pubblicato le notizie che credevamo di assoluto interesse generale con rispettosa formula dubitativa e garantendo pienamente la privacy degli abitanti il palazzo in questione: l’unica smentita o precisazione (in queste ore nulla ci è giunto)  di cui terrò conto sarà quella della asl Viterbo, di nessun altro mi curerò lasciando tutto ai mie legali perchè il vassallaggio stupido mi annoia.

(pasquale bottone)

(6)