Home Cronaca Viterbo, Coronavirus, “cittapaese.it ha ragione, anche per noi i test sierologici dovevano essere gratuiti”, ci scrivono i i titolari del Centro Polispecialistico Giovanni Paolo I che fanno chiarezza sui protocolli emanati dalla regione e forniscono indicazioni anti-pandemia
Viterbo, Coronavirus, “cittapaese.it ha ragione, anche per noi i test sierologici dovevano essere gratuiti”, ci scrivono i i titolari del Centro Polispecialistico Giovanni Paolo I  che fanno chiarezza sui protocolli emanati dalla regione e forniscono indicazioni anti-pandemia

Viterbo, Coronavirus, “cittapaese.it ha ragione, anche per noi i test sierologici dovevano essere gratuiti”, ci scrivono i i titolari del Centro Polispecialistico Giovanni Paolo I che fanno chiarezza sui protocolli emanati dalla regione e forniscono indicazioni anti-pandemia

0
0

Sig. Direttore buongiorno, siamo il Dott. Gianpaolo Zarletti e Dott. Massimo Tiberi titolari del Centro Polispecialistico Giovanni Paolo I di Viterbo, abbiamo letto il Suo articolo uscito oggi sulla Sua testata cittapaese.it che seguiamo costantemente con interesse. In merito a tale articolo volevamo esprimere la nostra solidarietà quando afferma che sarebbe stato doveroso, da parte delle istituzioni, dare la possibilità a tutti i cittadini di effettuare i test sierologici in forma gratuita, magari convenzionando temporaneamente tutti i centri diagnostici in grado di eseguire i tests. Purtroppo così non è stato per ragioni che non possiamo sindacare, ma volevamo fare un po’ di chiarezza sui protocolli emanati dalla regione e sulle possibilità per i cittadini, con la speranza di fornire indicazioni utili a tutti per fronteggiare al meglio questa grave pandemia.

Secondo il decreto emanato dalla Regione Lazio G05621 il 12/05/2020 da oggi è possibile effettuare i tests di siero prevalenza (IgG) in centri analisi autorizzati e presenti nel suddetto decreto come il nostro. La procedura prevede la possibilità di effettuare il test sierologico delle sole IgG (ovvero gli anticorpi che compaiono dopo circa 10/15 gg dall’infezione e che possono dare indicazione di probabile immunizzazione) presso i centri pubblici e privati, obbligatoriamente va sottoposto al paziente il modulo di consenso informato su cui sono indicate tutte le spiegazioni circa la tipologia di test effettuato. In caso di esito positivo dell’esame (IgG positive) il paziente deve comunicare il risultato al proprio medico di medicina generale, il quale provvede a prescrivere, attraverso ricetta dematerializzata, il tampone naso/orofaringeo che verrà effettuato poi dalla struttura ospedaliera, il paziente ha altresì l’obbligo di mettersi in quarantena fiduciaria fino all’esito dell’esame molecolare. È inoltre fissata la tariffa per i centri accreditati (convenzionati) 15,23 € o in regime di esenzione con codice 5G1. Dal canto nostro, siamo dell’opinione che tale test sarebbe dovuto essere offerto in forma di esenzione a tutti i cittadini in quanto darebbe informazioni determinanti circa i livelli di contagio e immunizzazione della popolazione italiana e offrirebbe uno strumento determinante sulle modalità di ripartenza della nazione. Ma aggiungiamo che sarebbe ancor più utile associare al dosaggio delle IgG anche il dosaggio delle IgM che danno la stima di un’infezione recente in quanto compaiono circa 4/5 giorni dopo il contagio ed iniziano a decadere alla comparsa delle IgG ovvero dopo circa 10/15 giorni. L’interpolazione del dato molecolare (Tampone) unito al dosaggio sierologico IgG + IgM darebbe un quadro ancor più completo della situazione. Dette tali premesse noi, nella costante ottica di offrire un servizio di elevatissima qualità a tariffe comparabili a quelle del SSN, siamo stati i primi ad attivarci sul territorio per effettuare tali esami con la metodica ELISA che essendo accurata e ultra sensibile restituisce risultati assolutamente affidabili e sicuri, per contro ha dei costi di gestione piuttosto elevati. Tuttavia per essere vicini a tutta la popolazione, abbiamo deciso di minimizzare i nostri margini e di offrire il test sierologico IgG in ELISA a 25,00€ e di offrire anche l’ancor più utile pannello completo IgG+IgM a 60,00€ . Con la speranza di aver fornito info utili a tutti alleghiamo anche un piccolo articolo esplicativo circa i test molecolare, rapido e sierologico.

 

 

Test Sierologico Covid-19

 

Il Centro Polispecialistico Giovanni Paolo I s.r.l., nella sua costante attenzione verso la salute dei pazienti, ha da oggi aperto le prenotazioni per l’esecuzione del Test per il Coronavirus. Si tratta dell’unica struttura sanitaria del Viterbese in grado di eseguire in loco il test Immunosierologico (ELISA, Quantitativo) in tempi brevissimi, con possibilità di prelievo domiciliare e refertazione come sempre on line.

 

Scopo del test

 

Il test per Covid 2019 si basa sulla determinazione immunosierologica quantitativa delle immunoglobuline IgG/IgM contro il virus Covid 2019 (2019-nCoV, SARS-CoV-2) nel sangue umano.

 

 

Cos’è il test CoVid 2019

 

Il corona Virus Disease 2019 ( COVID-19 ) è una malattia infettiva acuta causata dal nuovo coronavirus del 2019 ( SARS-CoV-2 ). Il periodo di incubazione della malattia è di 1-14 giorni, per lo più 3-7 giorni. Il periodo di incubazione è infettivo. Le infezioni asintomatiche possono anche essere la fonte di infezione. Gocce respiratorie e contatto sono le principali vie di trasmissione. I sintomi iniziali dei pazienti sono: febbre, affaticamento, tosse che può gradualmente portare a dispnea e altre manifestazioni gravi. La maggior parte dei pazienti ha una buona prognosi, alcuni dei casi più gravi possono avere sindrome da stress respiratorio acuto o shock settico o persino morte. Ci sono diversi giorni di incubazione dopo l’infezione da 2019-nCoV, gli anticorpi IgM possono essere rilevati subito dopo il periodo di incubazione ( in media 3/4 giorni dopo il contatto con il virus ) e rimangono per un breve periodo. Le IgM positive nei campioni di sangue possono essere un indicatore di infezione acuta. Gli anticorpi IgG compaiono dopo alcuni giorni dal periodo di incubazione ( in media 10/12 giorni dopo il contatto con il virus ) e rimangono a lungo. IgG positive nei campioni di sangue può essere un indicatore di infezione precedente e immunizzazione.

 

 

Differenza con il tampone

 

Il tampone orofaringeo sfrutta la tecnologia di amplificazione del materiale genetico virale tramite strumenti di Real time PCR per la diagnosi della presenza del virus Covid-19. Una positività a questo tampone indica la presenza attiva del virus e la sua trasmissibilità.

Il dosaggio delle immunoglobuline IgG/IgM invece fa capire se il paziente ha già avuto il contatto con il virus e quindi immunizzato ( IgG positivo ) oppure se è in fase acuta ( IgM positivo ).

Ovviamente sapere che una persona risulta essere IgG positivo e IgM negativo ( ancor più se asintomatico ) la rende un soggetto più resistente ad un nuovo eventuale incontro con il virus e quindi più tranquillo a circolare o a tornare a lavorare quando sarà consentito.

Un paziente IgM positivo va considerato come un positivo al tampone e quindi dovrà eseguire tutto l’iter di monitoraggio e quarantena fiduciaria, nonchè monitorare le sue condizioni biologiche (temperatura, tosse, difficoltà respiratoria ). Sia nel caso di un risultato di IgG positivo, o ancor più, di un IgM positivo, è necessario effettuare un tampone per vedere se siamo in presenza attiva del virus e quindi veicoli di infezione.

 

Test Covid-19 Quale scegliere

 

Al di fuori delle strutture ospedaliere e presso il Centro Polispeialistico Giovanni Paolo I, è possibile effettuare due tipologie di test per Covid-19: il test rapido ed il test sierologico (dosaggio ELISA: Enzyme-linked immunosorbent assay) ma il dilemma di tutti i cittadini è quale dei due test scegliere; per cui vediamoli un po’ nel dettaglio.

Test Rapido: ha il vantaggio di essere più economico del test sierologico ed è sicuramente più veloce nella sua esecuzione, dà un risultato qualitativo ovvero Positivo o Negativo e non dà nessuna informazione sulla quantità di anticorpi IgG (Immunizzazione) ed IgM (Presenza attiva del virus) presenti nel circolo sanguigno.

Test sierologico (ELISA): ha il grande vantaggio di essere enormemente accurato e sensibile, il risultato è quantitativo quindi restituisce valori precisi di anticorpi IgG ed IgM e, in base alle recenti indicazioni del Ministero della Salute, il referto diverrà presto uno strumento necessario alla ripresa delle attività lavorative (in caso di IgG positive) essendo il test validato ed approvato dal ministero e dalla Regione Lazio. Il piccolo svantaggio sta nel fatto di essere più oneroso a livello economico e proprio per la complessità della metodica leggermente più lungo nei tempi di refertazione (2-3 giorni), ma i vantaggi sono di gran lunga superiori.

 

Quindi ricapitolando, consigliamo di effettuare il test rapido in caso di urgenza di conoscere il risultato ed in caso di presenza di sintomi, così da avere un’indicazione tempestiva per poi approfondire la diagnosi nelle opportune sedi ospedaliere. Consigliamo invece il test sierologico a tutti coloro che desiderano avere una risposta accurata e scevra da dubbi, ai soggetti anziani, ai bambini, ai pazienti con fattori di rischio e a tutti coloro che vogliono tornare presto al proprio lavoro.

 

Ricordiamo infine che qualsiasi sia la scelta,  il Giovanni Paolo I, rilascerà, come sempre, un referto conforme alle normative per cui fruibile secondo tutti gli usi consentiti dalla legge.

 

 

Come effettuare il test

 

Il test si effettua con un semplice prelievo di sangue, non necessita di digiuno a meno che non si vogliano effettuare anche altre analisi. E’ possibile eseguire il prelievo direttamente presso il nostro centro, dotato già di tutti i sistemi di protezione previsti di legge e di un sistema di ricambio e filtrazione d’aria con filtri HEPA, nei normali orari di apertura. Inoltre per limitare assembramenti ed eventuali contagi offriamo la possibilità du effettuare il prelievo a domicilio con la refertazione automatica tramite la nostra App “Polispecialistico Giovanni Paolo I”. Il test va prenotato compilando l’apposito modulo presente sulla nostra home page www.polispecialisticoviterbo.it

Ricordiamo che, oltre a garantire il rispetto delle distanze di sicurezza e massimo riservo della privacy, il Centro è dotato di parcheggio riservato coperto gratuito al fine di garantire il massimo confort anche in fase di accesso.

 

 

 

 

 

 

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *