Home Politica Viterbo, Coronavirus: “Ai ristoratori concediamo di poter vendere nei loro locali cibi da asporto”, incredibile autogoal di Rotelli che lancia la volata ai suoi “ristoratori” presenti in consiglio comunale
Viterbo, Coronavirus: “Ai ristoratori concediamo di poter vendere nei loro locali cibi da asporto”, incredibile autogoal di Rotelli che lancia la volata ai suoi “ristoratori” presenti in consiglio comunale

Viterbo, Coronavirus: “Ai ristoratori concediamo di poter vendere nei loro locali cibi da asporto”, incredibile autogoal di Rotelli che lancia la volata ai suoi “ristoratori” presenti in consiglio comunale

0
0

In diverse altre occasioni abbiamo riconosciuto a Rotelli una  certa abilità tattico-strategica in politica, seppur talvolta fin troppo spregiudicata: in questi tempi di pandemia non ci sembra invece che il pur furbo Mauro sia in smaglianti condizioni di forma.

Non ci risultano in questi ultimi tempi uscite significative, molte le uscite minori che magari potevano anche essere evitate, un discreto campionario di luoghi comuni messo in mostra con scarsa convinzione e  stanchezza comunicativa.

Ultimo episodio del Rotelli fuori-fase la difesa dei ristoratori ad oltranza e la campagna d’opinione tesa a consentire l’asporto di cibi  e bevande direttamente al fruitore in loco, invece che l’obbligatoria consegna a casa da parte del ristoratore.

Una battaglia di retroguardia, come tutte quelle a sostegno di un’unica categoria di persone da parte di un partito politico, che ha l’aggravante di sostenere la ristorazione familiare interna a Fratelli d’Italia: due infatti i consiglieri comunali del Rotelli Party occupati nel campo della ristorazione e che si chiamano Buzzi e Bianchini (ancora lui, rappresentante di prima grandezza della politica ad personam) che probabilmente avrebbero le loro convenienze ad aumentare gli incassi con formule di vendita variegate.

Solo che se ognuno di noi si sveglia la mattina e fa i proclami pro domo sua si fa tutti la fine dei nuovi cannibali in lotta per un boccone in più di  carne viva dell’avversario, una lotta senza pari per la sopravvivenza, senza regole e con terribili modalità di svolgimento in tempo di pandemia.

Una guerra che non conviene si svolga, stando così le cose ora: ecco perchè consigliamo vivamente a Rotelli di ritirare lo spot pubblicitario in favore dei suoi fedelissimi e di distrarsi, staccare la spina, concedersi una piccola pausa  prima di regalarci l’ennesimo autogoal.

8p.b.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *