Home Cronaca Viterbo, Coronavirus, “A casa da due mesi, con figlio minorenne, senza cassa integrazione, anche il Comune mi nega i “buoni”, come faccio?”, ci scrive una madre in forte difficoltà
Viterbo, Coronavirus, “A casa da due mesi, con figlio minorenne, senza cassa integrazione, anche il Comune mi nega i “buoni”, come faccio?”, ci scrive una madre in forte difficoltà

Viterbo, Coronavirus, “A casa da due mesi, con figlio minorenne, senza cassa integrazione, anche il Comune mi nega i “buoni”, come faccio?”, ci scrive una madre in forte difficoltà

0
0

“Sono indignata”- ci scrive la signora A. M. – “siamo a casa senza lavorare in CIGD dai primi giorni di marzo e ancora non mi è pervenuto alcun tipo di pagamento. Sono separata e ho un bambino, minorenne, per cui ho richiesto i buoni pasto al  Comune di Viterbo, buoni che ha stanziato lo Stato italiano.  A oggi, non mi sono arrivati nemmeno questi. Il mio ex marito ha un’ attività e anche lui non ha ricevuto ancora nessun aiuto statale promesso. Ovviamente, ci sono spese da fare e mi chiedo come si possa affrontare in tutta tranquillità questa situazione. Perché il Comune di Viterbo non mi ha dato i buoni? Per via della CIGD che ancora non ho percepito?”.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *