Home Politica Viterbo, consiglio comunale: è qui che Giò Tenerone diventa il balbettante Joao Farfugliào
Viterbo, consiglio comunale: è qui che Giò Tenerone diventa il balbettante Joao Farfugliào

Viterbo, consiglio comunale: è qui che Giò Tenerone diventa il balbettante Joao Farfugliào

0
0

Povero Arena, l’avessimo saputo prima come sarebbe andata a finire per umana simpatia avremmo cercato di impedirgli in tutti i modi di candidarsi a sindaco: almeno magari avrebbe continuato a ricoprire un incarico qualunque così tanto per mantenersi in forma, ma tutto questo stress non lo avrebbe dovuto sopportare e soprattutto non sarebbe dovuto intervenire, impresa per lui improba almeno al momento, in consiglio comunale.

Perchè la sua totale Waterloo va in scena per lui puntualmente in consiglio comunale: lì il romantico ammiratore di tramonti, l’impavido inauguratore di centri commerciali in zona rossa si trasforma in joao farfugliaò, un pugile suonato che trasecola ad ogni domanda, tentenna, biascica, balbetta con imbarazzante insicurezza e proprietà di mezzi e di linguaggio assai relativa.

Mentre tutti fanno finta di assecondarlo come si fa con i vecchi rintronati, la consigliera Ciambella è l’unica che lo tratta almeno da pari, senza ipocrisia, lo chiama in causa, lo interroga, lo responsabilizza, insomma lo invita ad essere vivo e presente in aula, gli ricorda il suo ruolo, gli altri lo canzonano con ipocrita cinismo consentendogli un letargo umiliante.

Chissà perchè sopporta tutto ciò il malcapitato Arena:  spirito di servizio, esigenze economiche, ordini di partito, nulla ci sembra sufficiente a fargli accettare il calvario clamoroso e toccante che lo vede protagonista: e noi proprio perchè ci dà fastidio vedere un uomo così irriso e maltrattato ci auguriamo che questo tormento per lui possa concludersi prima della scadenza naturale, il 2023.

Viterbo ha bisogno di una classe dirigente e politica radicalmente nuova e Arena ormai non rappresenta più neanche il vecchio che si ricicla, ma il combattente già al tappeto che pure non vuole saperne di abbandonare il ring.

E stato finora un sindaco assai modesto, ma gli è dovuto  il rispetto che va ad un anziano uomo che non merita un fine carriera così inglorioso: no, Joao Farfugliao non lo vogliamo più vedere, non ci diverte, ci mette solo infinita tristezza.

(p.b.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *