Home Politica Viterbo-Concorso Vigili Urbani. “Tutto a posto, tranne qualche malignità dei giornalisti e qualche concorsista invidioso”, Arena e il comandante dei vigili tranquillizzano tutti i viterbesi dall’alto della loro specchiata professionalità e della riconosciuta buona fede: un esempio importante per tutti noi
Viterbo-Concorso Vigili Urbani. “Tutto a posto, tranne qualche malignità dei giornalisti e qualche concorsista invidioso”,  Arena e il comandante dei vigili tranquillizzano tutti i viterbesi dall’alto della loro specchiata professionalità e della riconosciuta buona fede: un esempio importante per tutti noi

Viterbo-Concorso Vigili Urbani. “Tutto a posto, tranne qualche malignità dei giornalisti e qualche concorsista invidioso”, Arena e il comandante dei vigili tranquillizzano tutti i viterbesi dall’alto della loro specchiata professionalità e della riconosciuta buona fede: un esempio importante per tutti noi

0
0

Vi aspettavate una conferenza stampa all’ultimo sangue in cui magari l’amministrazione comunale, il capo dei vigili e il responsabile della società che gestisce il concorso dei vigili urbani si scusassero con tutti i cittadini e i partecipanti alla prova per l’errore (?) commesso? Ma no, secondo voi era necessario, con quel clima da happy end che c’era nella sala consiglio? Tutti d’accordo, il sindaco, il comandante ( di cui scusate non ricordiamo il nome), il responsabile (poco responsabile perché la sua società ha avuto delle défaillance informatiche colossali) della società che ha curato l’organizzazione della prova, è stata tutta colpa dei giornalisti che hanno messo in giro notizie false e dei concorsisti invidiosi che non volevano che la prova si svolgesse se in città sono girate notizie false, è stato tutto un qui pro quo, tutto è finito bene però ed anche in un tempo più che ragionevole.

Noi crediamo ad Arena e al comandante dei vigili (di cui purtroppo non ricordiamo il nome), alla loro buona fede e alla loro professionalità indubbia che dimostrano quotidianamente l’uno amministrando quotidianamente una città che vive un nuovo fulgore che non si ricordava da decenni e l’altro combattendo stoicamente il parcheggio selvaggio ridotto a fenomeno sporadico e residuale.

E grazie ad Arena e al comandante (di cui purtroppo ancora non ci sovviene il nome…) per averci restituito l’orgoglio di essere viterbesi: per quello che riguarda il lucano responsabile della società che ha gestito il tutto io proporrei di raddoppiargli il compenso, un errore così grave e dilettantesco merita un ulteriore premio in gettoni d’oro.

(pasquale bottone)

(0)