Home Politica Viterbo, Comune, ritratti, vita politica e lavoro di Donatella Salvatori, consigliera comunale Fdi e impiegata Talete dal 2003
Viterbo, Comune, ritratti, vita politica e lavoro di Donatella Salvatori, consigliera comunale Fdi e impiegata Talete dal 2003

Viterbo, Comune, ritratti, vita politica e lavoro di Donatella Salvatori, consigliera comunale Fdi e impiegata Talete dal 2003

13
0

Di Donatella Salvatori, che è subentrata come consigliere comunale meloniano al vecchio (politicamente parlando) Paolo Bianchini, non sapevamo molto. Il nostro famoso cugino che lavora all’AISI è sempre più impelagato nei dossier sul nuovo governo, quindi anche questa volta ci siamo dovuti arrangiare da soli. Donatella Salvatori, prima notizia, è innanzitutto una figlia d’arte, un genere qui in loco raro ma non rarissimo. Il padre, Adelio, è una vecchia volpe della politica locale. Consigliere comunale di lungo corso, prima nelle file della DC e poi in quelle del centro-destra, Salvatori senior non ha fatto mistero della sua appartenenza al gruppo di Nando Gigli.

Insieme al defunto Marcuccio Marcucci era considerato, ai tempi della vecchia DC, ideologicamente molto di destra, come d’altra parte lo erano molti andreottiani (ex missini e non). Quella del 2008-2013 è l’ultima consiliatura che vede Adelio Salvatori nei banchi della Sala d’Ercole. Nel 2013, la figlia Donatella è candidata nella lista di “Fratelli d’Italia” alle locali elezioni amministrative. Non è eletta, così come non è eletto tra i meloniani neppure il citato Marcucci. Non le va meglio alle successive amministrative del 2018.

Nel 2020, prima dei non eletti, subentra a Bianchini. Il suo curriculum vitae è abbastanza scarno, ma, seconda e ultima notizia, attesta il suo impiego alla società pubblica Talete fin dal lontano 2003. Altre occupazioni precedenti non sono menzionate. Pur vantando una conoscenza dall’interno, il consigliere Salvatori però non è mai intervenuta sulla Talete o, se è intervenuta, le sue parole sono passate inosservate.

In un eventuale prossimo consiglio comunale sulla Talete, gradiremmo conoscere la sua opinione sui tanti problemi che affliggono la società. Prenda la parola, consigliere Salvatori, non si faccia intimorire dalle intemerate di un Barelli o di un Ricci.

(Samuele Spada)

(13)