Home Politica Viterbo, Comune, il chiodo fisso e il limite di “Io sono Chiara”, le “crociate sul gazzettino-stralocal”, questa sulla zona rossa puro populismo, peccato
Viterbo, Comune, il chiodo fisso e il limite di “Io sono Chiara”,  le “crociate sul gazzettino-stralocal”, questa sulla zona rossa puro populismo, peccato

Viterbo, Comune, il chiodo fisso e il limite di “Io sono Chiara”, le “crociate sul gazzettino-stralocal”, questa sulla zona rossa puro populismo, peccato

1
0

L’eterno candidato sindaco di Viterbo Io Sono Chiara Frontini ha deciso di rilanciare la sua immagine di politica battagliera negli ultimi tempi un po’ appannata. La sua ultima crociata stra-local, proclamata per salvare gli alberi di piazzale Gramsci destinati all’abbattimento, è finita in sordina, se non nel nulla più assoluto, con l’assessore, la storica nemica Laura Allegrini, che annuncia tranquillamente che i pini malati saranno presto abbattuti e che il piazzale verrà rimodernato esattamente come stabilito dal progetto dall’amministrazione comunale. Senza recepire nella maniera più assoluta le modifiche proposte da Io Sono Chiara Frontini e dal suo dream team di sconosciuti urbanisti e di purtroppo conosciuti e (politicamente) versatili cattedratici.

Al di là delle polemiche occasionali in consiglio comunale, che lasciano sempre il tempo che trovano nonostante l’enfasi con cui sono rilanciate dal solito webgazzettino, la Thatcher de noantri è da tempo alla ricerca di una nuova crociata che possa riportare la sua ormai sbiadita figura di nuovo al centro dell’agone politico. Per questo quando Fratelli d’Italia, unico partito di opposizione al governo di Super Mario Draghi, se n’è venuto fuori con l’idea di escludere Viterbo e provincia dalla micidiale (in primis per molte attività economiche) “zona rossa” che da oggi colora l’intero Lazio, Io Sono Chiara Frontini ha immediatamente cavalcato la tigre dell’esclusione della nostra provincia dalle draconiane e dragoniane misure governative.

E così è da questa mattina che campeggia in cima all’home page dell’ospitale (per lei) webgazzettino stra-local più di regime e più letto dell’universo un palpitante appello di Chiara Frontini al sindaco di Viterbo Giò Obbedisco Tentenna Tenerone Arena affinché si unisca anche lui a questa crociata, senza bandiere di partito e al di fuori delle contrapposizioni (anche locali) governo-opposizione, per inserire il nostro territorio in una più mite “zona arancione”. A parte che questa crociata è nata in un perimetro ben delimitato di forze politiche (Fratelli d’Italia e i frontiniani) e amministratori locali (il sindaco star di Bagnoregio e il più oscuro consigliere comunale-comunicato stampa viterbese Matteo Achilli), non abbiamo capito bene, o abbiamo capito fin troppo bene, a nome di altro parla Io Sono Chiara Frontini.

Perché a parte la rivendicata vocazione governativa del sindaco Arena, che secondo il suo solito costume tentenna ma sostanzialmente si fida dell’esecutivo Draghi, non si registrano finora reazioni sul versante del PD a trazione panunziana. Il consigliere regionale Rico Panunzi forse si prepara ad interpretare in questa commedia il ruolo del deus ex machina che, grazie alla sua vicinanza con il presidente della regione Zingaretti e i Palazzi del potere romano, trasformerà, con una sua semplice alzata di sopracciglia, la Tuscia in “zona arancione”? In questo caso, Io Sono Chiara Frontini avrebbe semplicemente (e volontariamente?) tirato la volata a Rico il Grande. Nel caso in cui, invece, il PD panunziano non partecipi in alcun modo alla crociata frontiniana, Chiara Thatcher, comunque vada, avrebbe ottenuto il suo ritorno d’immagine e, magari, in un domani neppure troppo lontano, potrebbe porsi a capo di uno schieramento locale di centro-destra e civici. Sia l’una che l’altra ipotesi, a ben guardare, non sono altro che la riproposizione in salsa stra-local della vecchia “politica dei due forni” di andreottiana memoria. Rimane comunque da capire se tutte queste grandi strategie politiche che si agitano dietro quest’ultima crociata portino effettivi vantaggi ai cittadini di questa provincia o alla sola Io Sono Chiara Frontini.

(Paolo Chersei)

RispondiInoltra

(1)