Home Cronaca Viterbo, Comune, fu vera crisi, la tregua della grande spartizione
Viterbo, Comune, fu vera crisi, la tregua della grande spartizione

Viterbo, Comune, fu vera crisi, la tregua della grande spartizione

0
0

Checchè ne dicano i vari protagonisti a palazzo dei priori, la crisi dell’amministrazione Arena è grave e irreversibile: delle agognate ripartenze concordate difficilmente si parlerà nelle prossime settimane, la tregua in atto più che effettiva tregua è attesa di porre sul tavolo le carte per la grande spartizione finale che sta per cominciare.

Ogni partito hai suoi punti di riferimento ancora da accontentare, i suoi piccoli grandi business da fare, l’intesa per andare avanti fino all’anno prossimo si troverà su queste cose, non su altro: un iter che dovrebbe proseguire fino alla prossima tarda primavera quando Arena dovrebbe essere sfiduciato prima di affrontare la campagna elettorale per le comunali 2023 cui  il centrodestra non ha alcuna intenzione di partecipare confermare l’attuale primo cittadino  alla guida.

Giunta Arena che cade e poi 6 8 mesi di commissariamento per far dimenticare agli elettori un vero e proprio fallimento amministrativo e via col voto, non a caso abbinato a quello delle politiche che dovrebbero svolgersi a marzo 2023.

Un election day scelto per mettere insieme il voto nazionale e quello locale e sfruttare l’eventuale traino di un centrodestra vincente: ecco perchè Arena va ancora avanti, nonostante l’evidente fallimento della sua amministrazione, si aspetta il momento giusto per riconsegnarlo alle sue radicate abitudini di runner senza età.

(pasquale bottone)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *