Home Politica Viterbo, Comune, Buzzi (Fdi) rompe l’inciucio Pd-Forza Italia-Viterbo 20 20 sull’odg antiscorie, un po’ di respiro in “consiglio”
Viterbo, Comune, Buzzi (Fdi) rompe l’inciucio Pd-Forza Italia-Viterbo 20 20 sull’odg antiscorie, un po’ di respiro in “consiglio”

Viterbo, Comune, Buzzi (Fdi) rompe l’inciucio Pd-Forza Italia-Viterbo 20 20 sull’odg antiscorie, un po’ di respiro in “consiglio”

0
0

Chi lo ha detto che su un tema come le scorie radioattive ogni partito non possa presentare un suo ordine del giorno e solo dopo il consiglio comunale possa far confluire il tutto in un documento unico? Sinceramente che  la Ciambella, Buzzi e Micci (Lega) abbiano voluto firmare atti propri e mettere in evidenza aspetti che ritenevano prioritari  che non li avevano trovato nell’ordine unico proposto dal sindaco non mi sembra uno scandalo, anche perchè poi si aggiunge, si discute e mezz’ora dopo è tutto pronto.

Il capogruppo Pd Ricci Alvaro, che non si riesce a capire più sinceramente quale elettorato rappresenti, perchè agisce in maniera del tutto personale e autocelebrativa,  voleva invece che tutti  votassero subito il documento che il sindaco ha ripreso dall’amministrazione  provinciale e che si finisse lì. Ma se non c’è dibattito in consiglio comunale che consiglio comunale è? Il fatto è che il consigliere Buzzi chiedeva nel suo odg che sul  tema scorie si esprimesse il presidente ZIngaretti e l’intero consiglio regionale, un pronunciamento che il pd voleva evitare e che ha accettato poi di malavoglia.

E’ sempre meno chiaro l’atteggiamento dei democrats sulle scorie radioattive, c’è la denuncia della cosa, ma sembra più di facciata che altro: nel pd l’unica che vorrebbe affrontare la questione più in profondità è Luisa Ciambella contro cui puntualmente si erge il muro della cosiddetta sinistra dei Cimini che cerca di minimizzare tutto e poi affida a Barelli il compito delle contumelie (seppur nascoste in discorsi pseudo-generali), ad Erbetti la normalizzazione del luogo comune e ultimamente alla Frontini l’afflato retorico-moralista di facile  effetto.

Fatto sta che ieri il pd “ricciano” l’odg non lo aveva presentato e le giustificazioni seguite “lo abbiamo ritirato per appoggiare il testo unico di Arena” non ci hanno per nulla convinto.

Ieri è stata la giornata di Buzzi, capogruppo Fdi, sempre effiicace, incalzante,  che ha ignorato con calma serafica le solite offese di Ricci Alvaro (“noi abbiamo più sensibilità istituzionale”) e ha ottenuto quello che voleva.

Pare proprio che l’inciucio trasversale destra-sinistra stia per andare in soffitta, un po’ di aria ricomincia a circolare in città.

(p,b.)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *