Home Politica Viterbo, comunali: bufale a gogo e candidati sindaco impresentabili
Viterbo, comunali: bufale a gogo e candidati sindaco impresentabili

Viterbo, comunali: bufale a gogo e candidati sindaco impresentabili

4
0

Aumentano le liste o aumentano le bufale? A dar credito a gazzette e webgazzette stra-local, partiti e schieramenti politici dovrebbero presentarsi alle prossime elezioni comunali viterbesi con un numero davvero impressionante di liste.

Qualcuno scrive che siamo già a quota 23 (una cifra che nel più trucido dei cinepanettoni avrebbe suscitato una battuta non proprio raffinata), qualcun altro a 24 o addirittura a 25. Tombola!

La verità, tanto per cambiare, è ben diversa. Esclusi infatti partiti e liste civiche dati per vincenti, costretti ad arginare e selezionare le chiassose moltitudini di aspiranti candidati, tutti gli altri politicanti e padroncini del vapore stra-local sono in grandi difficoltà, non riescono proprio a trovare ingenui o fessi che immolino i loro 20-30 voti per eleggere il Jack Barelli o l’Isabella Lotti della situazione.

In attesa delle decisioni del partigiano Johnny Mary Arena e del suo gruppuscolo panunziano di berluscones dissidenti, è (non) stranamente scesa una cortina fumogena sul nome del candidato sindaco del centro-destra a trazione ridotta (Lega Salvini e quel che resta di Forza Italia).

Se, come sembra, Fratelli d’Italia andranno per conto loro con Laura Allegrini e una serie di listarelle di scarsissimo peso elettorale, e le scarne truppe panunziancammellate del partigiano Johnny si schiereranno con il centro-sinistra, allora il centro-destra a trazione ridotta non avrebbe più il problema di presentare un candidato sindaco vincente o presunto tale.

Basterebbe un qualunque perdente di insuccesso. Ma anche in questo caso per il centro-destra formato mignon sarebbe meglio evitare di farsi rappresentare da personaggi che definire impresentabili è un eufemismo. 

(4)