26 Novembre 2022

cittapaese

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, capitale del parcheggio selvaggio: lo scempio di via dell’Orologio Vecchio, lo scandalo di Via La Fontaine, il grande sonno di Ubertini e Vinciotti

1 min read

Tutto è permesso nella città senza regole, capitale del parcheggio selvaggio: anche  mettere la macchina ferma a via dell’orologio vecchio in modo tale che i residenti di un condominio facciano fatica ad uscire di casa, per non dire portare buste della spesa, carrelli o carrozzini.

E poi la via è anche in salita, sembra quasi un percorso ad handicap per chi ci passa, figuriamoci per quelli che ci abitano.

Si tratta di un percorso  noto in città di cui tutti conoscono le difficoltà tranne evidentemente l’assessore Ubertini e il comandante  Vinciotti che saranno in tutte altre faccende affaccendati dal momento che non vedono neanche lo “sperpetuo” che succede a piazza del teatro, ad esempio (l’unione profanato da auto in ogni dove), il garage a cielo aperto di Piazza Crocetta, le assurdità di una strettissima via delle fabbriche, larga tre metri con le macchine in sosta, i parcheggi ad personam di via delle fabbriche dove alcuni commercianti occupano con le loro vetture il suolo pubblico da anni davanti alle loro attività senza che nessuno intervenga.

D’altronde per l’assessore Ubertini il centro storico è morto e sepolto, che lo usino come garage o meno secondo lui deve cambiar poco.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.