30 Settembre 2022

Blog Giornale Quotidiano

Viterbo, Caffeina Party, lo “smerigliato” Barelli prova a rimettere insieme Ricci, Serra, Delle Monache ed Erbetti sotto il suo “stellone”, ma “l’alternativa riformista” è un’altra cosa

1 min read

Ed ecco che il Caffeina Party cerca di ricompattarsi con dichiarazioni sul suo house organ e con iniziative modello videoconferenza sulla scuola (già precedentemente organizzate da altri, ma l’originalità è dote rara da queste parti ultimamente, si sa) cui parteciperà ovviamente il front man istituzionale di Caffeina Barelli, l’eterno ex- assessore politicamente pre-pensionando Alvaro Ricci, i due civici della sinistra cosiddetta riformista Serra e Delle Monache (alleati della destra a Palazzo Gentili), il consigliere pentastellato Erbetti e il direttore del giornale ufficiale della viterbesità medioevale (maitre a pensier della sinistra trasversale al centro e alla destra  che farà anche molti contatti su internet, perde poi puntualmente le elezioni).

Non si capisce in questo agglomerato di varia umanità cosa ci sia di più lontano dalla parola progressista ed interesse generale, come se poi gli elettori più smaliziati potessero davvero credere a questa inesistente rappresentazione portata in scena da suddetti attori così conosciuti quanto privi di appeal e di idee che non siano pure personal business.

D’altronde una sinistra che vuole essere tale non si fa guidare da un personaggio sicuramente discusso come Barelli, seppur “smerigliato” eternamente ambiguo e tattico pro domo sua: risparmiamo per pietas cristiana approfondimenti su Ricci, Serra ed Erbetti (attenzione, c’è il ripescato Quintarelli pronto al rientro) che sono abbastanza noti per la propensione naturale che hanno alla totale evanescenza.

Caffeina party 5.0 è un progetto tanto anacronistico quanto patetico, destinato a non durare che qualche fase lunare.

Copyright © All rights reserved. | Newsphere by AF themes.