Home Politica Viterbo, Battiston de Battistoni, grande statista che si accultura da Scarpantibus
Viterbo, Battiston de Battistoni, grande statista che si accultura da Scarpantibus

Viterbo, Battiston de Battistoni, grande statista che si accultura da Scarpantibus

6
0

Uno pensa che gli attuali politici siano un branco di ignoranti, di “scappati di casa” che non conoscono neppure il congiuntivo, di ignoranti che confondono Napoleone con l’eroe di qualche videogioco, di analfabeti di ritorno e pure di andata. Tutti pregiudizi. Non è così, abbiamo le prove.

Prendiamo, per esempio, un politico stra-local di professione come lo statista procenese Francesco Battistoni, in arte Battiston de Battistoni, senatore berluscones e attuale sottosegretario all’Agricoltura del governo Draghi.

Uno pensa che Battiston de Battistoni, un bon vivant amante dei buoni sigari e dell’ottima cucina, sia un uomo insensibile alle arti, uno che non abbia mai preso un libro in mano in vita sua, uno la cui cultura politica si riduce agli slogan ormai logori del vecchio Silvio, alle frasi fatte, alle banalità da buonsensaiolo, ai discorsi retorici scritti da un abile ufficio stampa.

Poi apri un suo social e ti accorgi che i tuoi sono solo stupidi pregiudizi, che Battiston de Battistoni è un uomo di cultura, anzi di grande cultura, e non quel politicante stra-local che pensavi fosse.

E infatti Battiston de Battistoni ieri, senza trascurare i suoi gravosi impegni di statista, ha trovato un momento libero per andare a trovare, non sappiamo se con l’auto blu del ministero o con mezzi propri, chi meglio di tutti rappresenta la cultura universale in loco, ossia Carlo Galeotti.

“Ringrazio il direttore di Tusciaweb, Carlo Galeotti, per avermi omaggiato – ha scritto commosso in un post il senatore e sottosegretario –  di queste due bellissime pubblicazioni e per avermi mostrato la sua incredibile biblioteca. “Annus Horribilis” e “Il mestiere di scrivere” sono due eccellenti lavori che terrò a portata di mano”.

Fa bene a tenere a portata di mano questi due capisaldi della cultura stra-local, il principino Battiston de Battistoni, perché tra un anno, quando non sarà più parlamentare, avrà tanto tempo da dedicare alla lettura. Se poi volesse leggere qualcosa di più serio e meno egoriferito, ci chiami pure. I nostri consigli di lettura sono gratuiti.

(6)