Home Cronaca Viterbo, Bad Company e Good Company, continua la saga Caffeina Party, tra mogli “politico”, mamme, e compagnie del teatro
Viterbo, Bad Company e Good Company, continua la saga Caffeina Party, tra mogli “politico”,  mamme, e compagnie del teatro

Viterbo, Bad Company e Good Company, continua la saga Caffeina Party, tra mogli “politico”, mamme, e compagnie del teatro

0
0

Bad Company, secondo l’Enciclopedia Treccani, è una “società priva di vitalità economica che viene utilizzata per assorbire attività in sofferenza, lasciando contemporaneamente una good company in grado di svolgere un’azione efficiente e profittevole”. Nel caso della famosa Caffeina Cultura, la Bad Company è rappresentata dalla Fondazione Caffeina Cultura, oberata di debiti e presieduta dal buondestro (amicone dei sinistri panunziani) Filippo Rossi, e le Good Company dall’Associazione Compagnia Culturale Compagnia del Teatro, il cui presidente è l’avvocatessa e politica (assessore in quota centro-destra del comune di Vasanello e tra i soci fondatori della filipporossiana “Buona Destra”) Dominga Martines (moglie dell’avvocato, neosegretario provinciale del partito di Carlo Calenda e caffeinista antemarcia Giacomo Barelli), e dalla società Caffeina Group s.r.l..

E’ infatti dal 2020 che tutte le iniziative di quella che un tempo era l’opulenta Fondazione Caffeina Cultura sono gestite ora da una, ora dall’altra di queste Good Company. La più antica delle due è l’Associazione  Culturale Compagnia del Teatro, costituita nel 2017 e che fino a qualche tempo fa poteva vantare come “rappresentante istituzionale” (così definito in un comunicato ufficiale caffeinista) l’ubiquo Giacomo Barelli, la più giovane invece la Caffeina Group s.r.l.. Costituita il 13 febbraio 2020, la Caffeina Group s.r.l. annovera nella sua compagine tre soci: il Gruppo Carramusa s.r.l. (51% delle quote), Carlo Rovelli (40% delle quote) e Luciana Raucci (9% delle quote). Il capitale sociale versato ammonta a 10.000 euro e l’amministratore unico è Gaetano Carramusa. Variegato l’oggetto sociale della Caffeina Group s.r.l.:

– PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI INIZIATIVE DI MARKETING E COMUNICAZIONE PUBBLICITARIA E INTEGRATA (ON/OFF-LINE) ED ESECUZIONE DELLE STESSE PER CONTO DI ENTI PUBBLICI, AZIENDE PRIVATE ED IN PROPRIO, PER L’INTRODUZIONE E LA PROMOZIONE DELLA VENDITA, NEI MERCATI EUROPEI ED EXTRAEUROPEI, DI PRODOTTI E SERVIZI;

– PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE/EROGAZIONE DI CORSI DI FORMAZIONE E AFFINI, DI QUALIFICAZIONE, PERFEZIONAMENTO, AVVIAMENTO AL LAVORO E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE;

– ATTIVITA’ DI CONSULENZA GESTIONALE E ORGANIZZATIVA ED AFFINI, TRA I QUALI, AD ESEMPIO, CONSULENZA E COACHING PER IL BENESSERE ORGANIZZATIVO E LO SVILUPPO DI COMPETENZE CHE PROMUOVONO UN PROGRESSO GENERALE NEL LIVELLO DI BENESSERE PSICOLOGICO, FISICO E SOCIALE DEI COLLABORATORI, AL FINE DI MIGLIORARE COMPLESSIVAMENTE ANCHE IL LIVELLO DI BENESSERE NEL LUOGO DI LAVORO E AFFINI;

– NOLEGGIO, COMMERCIO ALL’INGROSSO E AL DETTAGLIO, ANCHE COME AGENTE CON O SENZA MANDATO DI: ATTREZZATURA, MACCHINARI, IMPIANTI, MEZZI (IN PARTICOLARE MODO PER IMPIANTI, MACCHINARI E MEZZI DESTINATI ALL’EDILIZIA) ARREDAMENTI, MOBILI PER LO SPETTACOLO, PER LAVORI EDILI E DI GENIO CIVILE, PER LA PROTEZIONE CIVILE, PER UFFICIO E INFORMATICA, PER IMPIANTI SPORTIVI, PER L’INDUSTRIA, PER IL COMMERCIO E PER L’ARTIGIANATO; LA SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE COMPRESI GLI ALCOOLICI ED I SUPERALCOOLICI;

– LA PRODUZIONE, VENDITA E CONSEGNA DI PASTI E CIBI PRECOTTI E CONFEZIONATI, L’APPRONTAMENTO A DOMICILIO DI BANCHETTI E BUFFET, SERVIZI DI CATERING;

– GESTIONE E/O CONDUZIONE DI STADI, PISCINE, CAMPI DA TENNIS, IMPIANTI POLIVALENTI, PALESTRE SPORTIVE;

– SERVIZI DI MAGAZZINI DI CUSTODIA, LOGISTICA PER LA DISTRIBUZIONE E/O IL COLLOCAMENTO DI MERCI ALIMENTARI E NON ALIMENTARI;

– IMPRESA EDILE E STRADALE;

– L’EDIZIONE, ANCHE ON-LINE DI: CATALOGHI COMMERCIALI, FOTOGRAFIE, INCISIONI E CARTOLINE, MATERIALE PUBBLICITARIO, ALTRO MATERIALE A STAMPA;

– L’ATTIVITA’ PER CONTO TERZI VOLTE A MIGLIORARE L’IMMAGINE PUBBLICA DI UN’ORGANIZZAZIONE O DI UN’IMPRESA;

– L’ATTIVITA’ DI UFFICIO STAMPA PER CONTO TERZI;

– LA PROMOZIONE DELL’ECONOMIA DEL TERRITORIO;

– L’IDEAZIONE E CONDUZIONE DI CAMPAGNE PUBBLICITARIE;

– CREAZIONE E COLLOCAZIONE DI PUBBLICITA’ PER GIORNALI, PERIODICI, RADIO, TELEVISIONI, INTERNET ED ALTRI MEZZI DI COMUNICAZIONE; CREAZIONE E STRATEGIA DI DIFFUSIONE DI PUBBLICITA’ ESTERNA;

– LA CREAZIONE DI STAND ED ALTRE STRUTTURE E SPAZI ESPOSITIVI;

– LA CONDUZIONE DI CAMPAGNE DI MARKETING ED ALTRI SERVIZI PUBBLICITARI MIRATI AD ATTIRARE E AD ASSICURARE LA FEDELTA’ DEI CLIENTI; LA PROMOZIONE DEI PRODOTTI; LA DISTRIBUZIONE O CONSEGNA DI MATERIALE PUBBLICITARIO O DI CAMPIONI;

– L’ATTIVITA’ DELLE CONCESSIONARIE PUBBLICITARIE PRESSO I MEDIA (VENDITA E AFFITTO DI TEMPI E SPAZI PUBBLICITARI PRESSO VARI MEZZI DI INFORMAZIONE) PER CONTO TERZI; LA VENDITA DI SPAZI PUBBLICITARI SU CARTELLONI, EDIFICI E VEICOLI;

– INDAGINI RIGUARDANTI IL MERCATO POTENZIALE, LA PERCEZIONE, IL GRADO DI ACCETTAZIONE, LA CONOSCENZA DEI PRODOTTI DA PARTE DEL PUBBLICO, LE ABITUDINI DI ACQUISTO DEI CONSUMATORI, FINALIZZATE ALLA PROMOZIONE DELLE VENDITE O ALLO SVILUPPO DI NUOVI PRODOTTI E SERVIZI, INCLUSE LE ANALISI STATISTICHE DEI RISULTATI; SONDAGGI DI OPINIONE;

– L’ORGANIZZAZIONE, PROMOZIONE E/O GESTIONE DI EVENTI, QUALI FIERE, CONGRESSI, CONFERENZE E MEETING, CONCERTI E STAND GASTRONOMICI, INCLUSA O MENO LA GESTIONE E LA FORNITURA DI PERSONALE OPERATIVO NELL’AMBITO DELLE STRUTTURE IN CUI HANNO LUOGO GLI EVENTI.

LA SOCIETA’ POTRA’, NELL’AMBITO DELL’OGGETTO SOCIALE, AVVALERSI DI TUTTE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E FINANZIARIE PREVISTE DALLE LEGISLAZIONI REGIONALI, NAZIONALI E COMUNITARIE.

LA SOCIETA’ POTRA’ COMPIERE TUTTE LE ATTIVITA’ INERENTI E CONNESSE ALLE PRECEDENTI E COMPIERE TUTTE LE OPERAZIONI COMMERCIALI, FINANZIARIE (COMPRESA LA RICHIESTA DI MUTUI, FINANZIAMENTI, APERTURE DI CREDITO, ANCHE CON PRESTAZIONI DI RELATIVE GARANZIE), MOBILIARI ED IMMOBILIARI CHE SARANNO RITENUTE NECESSARIE OD UTILI PER IL CONSEGUIMENTO DELL’OGGETTO SOCIALE O COMUNQUE CON ESSO CONNESSE; IL TUTTO NEI LIMITI DI LEGGE E CON ESCLUSIONE DI QUALSIASI FINALITA’ DI COLLOCAMENTO. LA SOCIETA’ POTRA’ ASSUMERE INTERESSENZE, QUOTE O PARTECIPAZIONI ANCHE IN ALTRE IMPRESE, SOCIETA’, ENTI O CONSORZI COSTITUITI O COSTITUENDI, AVENTI SCOPO ANALOGO O CONNESSO AL PROPRIO.

L’attività prevalente denunciata consiste, molto più sinteticamente, nell’”organizzazione di convegni e fiere”, e l’attività secondaria in “altre attività di consulenza imprenditoriale e altra consulenza amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale”. Il marchio Caffeina, a quanto ci risulta, è invece di proprietà di Filippo Rossi e del travet-intellettuale Andrea Baffo. Dettagli tecnici a parte, nel board della Caffeina Group s.r.l. troviamo, a fianco di società e personaggi già da tempo organici al mondo di Caffeina come il Gruppo Carramusa e l’imprenditore Carlo Rovelli (per qualche mese presidente della Fondazione Caffeina Cultura, vicinissimo a Forza Italia, neo-alleata dei panunziani) , un nome nuovo: Luciana Raucci. Nuovo solo all’apparenza. Si tratti infatti della madre di Giacomo Barelli. La moglie in una società e la madre in un’altra. E non si dica che il neosegretario provinciale di “Azione” non crede nei valori della famiglia. Soprattutto della propria. Infine ci sono una serie di “stranezze” inerenti il mitico Teatro Caffeina, di cui ci occuperemo a breve. Rimanete sintonizzati.

(Davide Mametti)

 

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *