Home Politica Viterbo, Arena, “il sindaco di ferro e di cuore” che salvò Viterbo, la commissaria Scolamiero gli rende finalmente giustizia
Viterbo, Arena, “il sindaco di ferro e di cuore” che salvò Viterbo, la commissaria Scolamiero gli rende finalmente giustizia

Viterbo, Arena, “il sindaco di ferro e di cuore” che salvò Viterbo, la commissaria Scolamiero gli rende finalmente giustizia

5
0

E allora lo sappiamo ora ufficialmente, ce lo dice il commissario prefettizio Antonella Scolamiero e lo riporta orgoglioso sulla pagina lo stesso sindaco che Arena: “IL SINDACO ARENA AVEVA AVVIATO TANTE BUONE COSE CHE È NECESSARIO PORTARE AVANTI, ANCHE SE È MOLTO PIÙ DIFFICILE FARE IL SINDACO CHE IL PREFETTO. È UN GROSSO RISULTATO CHE NON SI DEVE A ME, MA AL SINDACO ARENA CHE HA CHIESTO E OTTENUTO IL CONTROLLO DELL’ AUTORITÀ NAZIONALE ANTI CORRUZIONE, QUESTO CONSENTIRÀ AFFIDARE IL PIÙ IMPORTANTE APPALTO RELATIVO ALLA GESTIONE DEI RIFIUTI IN TRASPARENZA E SICUREZZA“.

Ecco cosa   commenta il sindaco commosso: “Questi attestati di buon governo, da parte del commissario prefettizio mi rendono felice, pur nell’amarezza di dover riscontrare che la mia ex maggioranza non è stata in grado di superare un momento di difficoltà, nella fase in cui stanno per partire molte opere pubbliche, prime tra tutte moltissime strade da asfaltare e l’aggiudicazione dell’appalto della manutenzione del verde pubblico le cui risorse sono raddoppiate e consentiranno di poter godere di una città ordinata e pulita”.

Avevamo un “sindaco di ferro” e non lo sapevamo, pensate un po’, uno che ci ha rappresentato meglio di chiunque altro dalla preistoria ad oggi e non ne eravamo consci.

Altro che Giò Tenerone, era un conducator, un condottiero che sapeva guidare la sua città, renderla eticamente inappuntabile, come una casa di vetro, controllando anche con grande maestria un appalto complicato come quello dei rifiuti.

Ora la commissaria Scolamiero ci ha reso edotti sul nostro piccolo, ma temerario eroe, non ci resta che ringraziarla per averci aperto gli occhi e averci alla fine consentito di valorizzare come merita un amico dei cittadini, un sindaco giusto, attento, scattante, unico.

(5)