Home Cronaca Sutri, vicenda strada Rio Rotto, il Comitato Centro Storico per Sutri non ci sta
Sutri, vicenda strada Rio Rotto, il Comitato Centro Storico per Sutri non ci sta

Sutri, vicenda strada Rio Rotto, il Comitato Centro Storico per Sutri non ci sta

0
0

Ritorniamo sulla annosa vicenda della strada Rio Rotto

Succedeva che con un post del 15 ottobre 2019 il Comitato informasse i cittadini che in seguito ad un esposto e dopo il richiamo formale  del  Prefetto, causa un’ abbondante pioggia, il Comune avrebbe dovuto  finalmente prendere atto della ‘pericolosità’ di Via Pasolini e agire tempestivamente, al fine di salvaguardare la sicurezza e l’incolumità degli automobilisti, chiudendo la strada di Rio Rotto (nominata e “targata” poco tempo prima Via Pasolini).

Succedeva che Sgarbi piccato e punto sul vivo su quello che è stato e rimarrà il suo unico cavallo (somaro) di battaglia rispondesse malamente tramite giornali on-line, con articoli sparsi in tutta la Tuscia inveendo contro il Comitato:  “Quanto detto dal Comitato Centro Storico è falso”. “Ho parlato con il prefetto. Il sindaco di Sutri, Vittorio Sgarbi, si scaglia contro la consueta disinformazione…”

Succede che passano gli anni, due per l’esattezza.

Succede che i 90 mila euro fermi su Via Pasolini (ex strada Rio Rotto), mutuo preso dalla ex giunta Cianti  per sistemare piazza Bamberg e destinati poi da Sgarbi a mettere in sicurezza l’immaginaria  circonvallazione per quietare l’animo dei sutrini arrabbiati che chiedevano un ingresso più agevole per il centro storico, catturino l’attenzione del vice sindaco  Lillo Di Mauro che pensa così di  spostarli nuovamente e indirizzarli verso altre opere utili a Sutri e soprattutto alla sua immagine logorata dalle personali  vicende politiche (ribaltone) e dall’inefficienza del suo operato come delegato ai lavori pubblici.

Succede che durante l’ultimo Consiglio comunale, 22 novembre, Di Mauro per giustificare lo spostamento dei soldi, dichiari ufficialmente che “ i tecnici delle autorità preposte non daranno mai le autorizzazioni necessarie, Via Pasolini viene definitivamente archiviata e i soldi utilizzati per altre opere”.  “Non si può fare”!

Chi se lo sarebbe mai immaginato che sarebbe finita così??  (NOI). E ancora il vice sindaco dichiara: “Non è mai stata e non sarà mai una strada tanto che non si riesce nemmeno a darle il nome”. Anche Pasolini dovrà cercare soddisfazioni altrove, almeno lui si è salvato. Beato.

Ed è così che lo spostamento di bilancio viene approvato da tutta la maggioranza. Sgarbi assente e il capo gabinetto in sala.

Succede quindi che oggi NOI del Comitato Centro Storico per Sutri rivendichiamo con orgoglio le nostre posizioni, ribadendo che tutto il cambio di verso si basò sulle promesse irrealizzabili di Sgarbi e degli assessori compiacenti, che le nostre segnalazioni erano giuste e sacrosante e che a poco è servita la violenza verbale del Sindaco smentito dalla sua giunta e dai fatti.

Concludiamo ricordando che durante il periodo invernale ex Via Pasolini è impraticabile e che solo l’altro giorno, davanti alla Croce,  l’unico ingresso  per il Centro Storico è stato protagonista di un gravissimo incidente che ha visto coinvolti due furgoni ed una Smart. Per poco non ci scappa il morto.

E’ sicuramente il più grave incidente, ma non l’unico, di un bivio pericoloso e senza segnaletica, causa di una viabilità innaturale attivata senza alcuno studio di fattibilità ed analisi dell’impatto sul centro storico e sulla circolazione.

 

Firmato Comitato Centro Storico per Sutri

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *