Home Cronaca Sutri, Matteo Amori (Gruppo Misto): “Sono stato aggredito da uno sconosciuto, vi racconto tutto”
Sutri, Matteo Amori (Gruppo Misto): “Sono stato aggredito da uno sconosciuto, vi racconto tutto”

Sutri, Matteo Amori (Gruppo Misto): “Sono stato aggredito da uno sconosciuto, vi racconto tutto”

0
0
È solo per amore di Verità e per far sapere a tutti a quale livello di degrado civile si sia giunti nell’Antichissima Città di Sutri in questi ultimi mesi, che racconto quanto mi è capitato nelle scorse ore, tanto da vedermi costretto a richiedere l’aiuto medico e in seguito a rivalermi contro la persona che ritengo responsabile, nelle sedi appropriate.

Dunque, venerdì mattina mi ritrovo a camminare verso la piazza del comune, dopo aver parcheggiato al Duomo, quando, in via Vittorio Veneto, un individuo mi affianca e subito prende a ricoprirmi d’insulti, improperi e contumelie.

Continua così a inveire contro di me in maniera grave e pesante sinché non raggiungo la piazza del comune, dove prosegue nelle sue offese davanti a numerosi testimoni in modo sempre più violento e aggressivo, aggiungendo minacce alla mia persona e un profluvio di diffamazioni.

La domanda a questo punto sorge spontanea:

Perché una persona che io non conosco, improvvisamente, senza motivo apparente, mi attacca in tale modo?

Vuoi vedere che il recondito, occulto motivo, potrebbe essere dovuto al fatto che io abbia fatto una richiesta di accesso agli atti per avere informazioni su una pratica che lo riguarda?

E se fosse questo il motivo, allora come fa tale persona ad esserne a conoscenza visto che  il Protocollo di un comune è accessibile esclusivamente ai Consiglieri e ai dipendenti comunali?

E soprattutto se la pratica in questione non presenta “vizi” perché alterarsi fino a minacciare e insultare un consigliere comunale?

Infine, e cosa non di minore importanza, la mia richiesta è a nome di tutto il Gruppo Misto, del quale io sono soltanto il “capogruppo” e come tale da me firmata.

Fermo restando ovviamente di aver già esposto denuncia nei confronti di costui, ciò che più mi preme è far sapere, anche e soprattutto a coloro che fingono di non voler vedere, a quale livello sia decaduta la civiltà del nostro paese della Tuscia, dove ormai l’odio, la rabbia, la maldicenza, l’insulto, l’insinuazione e la calunnia la fanno da padrone.

Dove un consigliere comunale, un libero cittadino che lavora e non vive sulle spalle altrui, non può più neanche camminare per la strada senza vedersi proditoriamente aggredito.

A questo dunque siamo giunti, sì Sutri non è mai stata tanto bassa dal punto di vista civile, con buona pace di chi la ritiene una “capitale culturale”.

Forse un po’ di vergogna non guasterebbe e sarebbe anche ora!

Ringrazio il sindaco Vittorio Sgarbi per la chiamata ricevuta, per avermi mostrato solidarietà ed avermi presentato le sue scuse.
Consigliere Comunale Capogruppo del Gruppo Misto
Matteo Amori

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *