Home Politica “Stai zitta tu”, ricordi di sessismo Pd by Serra
“Stai zitta tu”, ricordi di sessismo Pd by Serra

“Stai zitta tu”, ricordi di sessismo Pd by Serra

219
0

I consigli comunali dell’amministrazione Arena hanno avuto spesso un tono da bettola stra-local, qualcuno lo ha dimenticato forse  ora che si parla di rilancio della città, di quote donna, di difesa e valorizzazione di queste ultime per la nuova Viterbo troncarelliana: eppure le offese non sono mai mancate in casa Pd,  come non ricordare l’attacco sessista di Serra (che ieri ha dato quasi della “nazista” alla Frontini) nei confronti della collega dissidente Luisa Ciambella  rimbrottata con un inveterato “stai zitta tu”, da pelle d’oca?  Riportiamo di seguito la nostra cronaca del tempo, 14 febbraio 2020, a memoria dell’improvviso femminismo progressista sbandierato dai democrats:   

Il dibattito in consiglio comunale seguito all’ordine del giorno presentato dalla capogruppo pd Luisa Ciambella sulla Talete non è stato molto edificante: innanzitutto sarebbe ora che i consiglieri comunali la smettessero di esprimersi con toni da caserma, o da bar sport.

Palazzo dei Priori è una istituzione che va rispettata: per questo ci è sembrato eccessivo il comportamento del consigliere Serra, oltre che per le parolacce usate, anche per le espressioni rivolte alla  Ciambella (“stai zitta, tu non parlare”) piuttosto irrispettose, che uno non si aspetta da un professionista come lui .

A prescindere se uno sia d’accordo o meno  con chi presenta un odg, una singola proposta non può trasformarsi in un “uno contro tutti”, ognuno ha il diritto di presentare e far discutere nell’aula le sue proposte, ottenendo il rispetto e l’ascolto di tutti.

E senza che volino nell’aria “parolacce” lanciate nell’aere anche dal consigliere Barelli.

Vanno  riportati in consiglio la serietà ed il rispetto delle istituzioni , la sala del consiglio non è un’osteria ed un corretto dibattito democratico va sempre salvaguardato e senza inutili sessismi.

(p.b.)

(3)

(219)