Home Politica Roma, emergenza rifiuti, Calenda: “Mozione per commissariare Comune e Regione”
Roma, emergenza rifiuti, Calenda: “Mozione per commissariare Comune e Regione”

Roma, emergenza rifiuti, Calenda: “Mozione per commissariare Comune e Regione”

0
0

Una mozione per commissariare la Regione e il Comune. Carlo Calenda, leader di Azione e candidato sindaco di Roma alle prossime elezioni comunali, postando su Twitter un servizio televisivo che mostra un branco di cinghiali in mezzo ai rifiuti che strabordano dai cassonetti alla Camilluccia, punta il dito contro Nicola Zingaretti e Virginia Raggi: “Basta. Domani depositeremo in Senato una mozione che chiede al Governo di commissariare Comune e Regione e far intervenire la Protezione civile”.

“Chiederemo a tutte le forze politiche di sostenerla – aggiunge Calenda- . Non è più una questione di partiti ma di sicurezza e salute pubblica”. A fargli da eco anche Enrico Costa, deputato di Azione: “Presenteremo questa mozione che impegnerà il Governo ad intervenire con poteri commissariali in sostituzione del Comune e della Regione Lazio per far fronte alla situazione di emergenza rifiuti in cui si trova Roma”.

“È l’ennesima crisi causata dall’incompetenza amministrativa e gestionale e dal continuo scarico di responsabilità tra Comune e Regione, le cui conseguenze – specifica Costa – si riversano unicamente sui cittadini e sulle attività commerciali, non solo in termini economici, ma anche in termini legati alla salute pubblica. Chiederemo a tutte le forze politiche di sostenere la mozione, perché ad essere in gioco non sono gli interessi dei partiti, ma la sicurezza e la salute dei cittadini romani”, conclude così Costa.

“Immagini agghiaccianti: stiamo parlando della Capitale. Fin dove vogliamo arrivare? Domani in Senato depositeremo una mozione per chiedere di commissariare Comune di Roma e Regione, oltre che far intervenire la Protezione Civile”, incalza sul suo profilo Twitter anche Matteo Richetti, senatore di Azione.

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *