Home Politica Regione Lazio, dopo “concorsopoli”, ecco “stipendiopoli”, le “zingarate” non finiscono mai
Regione Lazio, dopo “concorsopoli”, ecco “stipendiopoli”, le “zingarate” non finiscono mai

Regione Lazio, dopo “concorsopoli”, ecco “stipendiopoli”, le “zingarate” non finiscono mai

0
0

Le “zingarate” secondo alcuni organi di stampa nazionali  non finiscono mai. Non ci riferiamo, purtroppo per voi e per noi, alle goliardiche avventure che ravvivano la vita dei personaggi del famoso film Amici miei, bensì ai discutibili aumenti di stipendio e alle discutibilissime nomine decise motu proprio dal presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti (Zinga per gli amici e i clientes). In un articolo di Giuseppe China pubblicato ieri dal quotidiano “La Verità”, e significativamente titolato Zingaretti premia i “fedelissimi”. Niente lockdown per gli stipendi, sono documentate le ultime eclatanti zinga(retta)te a spese del contribuente.

La prima è un autentico classico della pubblica amministrazione. Il 7 maggio 2018, uno Zingaretti fresco di rielezione assume Francesco Scoppola come “responsabile di struttura di diretta collaborazione cerimoniale” con uno stipendio di 65 mila euro lordi annui. Il 28 febbraio 2020, grazie a un decreto che porta sempre la firma del fratello del celebre Commissario Montalbano, lo stipendio di Scoppola lievita a 75 mila euro lordi annui. Un ulteriore decreto di Zingaretti il 31 marzo scorso conferisce a Scoppola “l’incarico […] di ufficio di staff del presidente e cerimoniale dell’ufficio di gabinetto del presidente Regione Lazio”, stabilendo “il trattamento economico in euro 90.000 con decorrenza dal 1° aprile fino al termine dell’attuale legislatura [2023]”.

La seconda riguarda invece l’ex assessore al Turismo e alle Pari Opportunità Giovanna Pugliese che, sacrificata nel rimpasto del 12 marzo scorso per far posto in giunta agli esponenti del Movimento 5 Stelle, il 31 marzo viene nominata “responsabile della struttura autonoma di collaborazione cinema”. Lo stipendio dell’ex assessore è di 115.000 euro lordi annui fino alla conclusione della legislatura. Il gruppo consiliare della Lega Salvini ha presentato un’interrogazione sull’aumento di stipendio di Scoppola e la nomina di Pugliese.

Dopo Concorsopoli, Stipendiopoli. Alla Regione Lazio le zinga(retta)te e le grane non finiscono proprio mai.

(Samuele Spada)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *