Home Cronaca Napoli, Covid, “Un week end delirante sul lungomare di Napoli”, direttamente dalla città partenopea Alessia Schisano
Napoli, Covid, “Un week end delirante sul lungomare di Napoli”, direttamente dalla città partenopea Alessia Schisano

Napoli, Covid, “Un week end delirante sul lungomare di Napoli”, direttamente dalla città partenopea Alessia Schisano

0
0
Pubblichiamo di seguito un contributo sull’emergenza covid ricevuto da Napoli dall’avv. Alessia Schisano che ringraziamo per la collaborazione 
Ma qualcuno ha dato l’ordine di “rompere le righe”?
Il lungomare di Napoli è un delirio da ieri.
Per carità felice per i ristoratori e per i bar,  ma nessun controllo efficace ed assembramenti a tutta forza senza mascherina.
Non voglio giudicare, magari anche chi come me cerca strenuamente e con tenacia di rispettare le regole si ammalerà – anche perché più aumentano i positivi maggiore è il rischio per tutti- ma almeno ci avrò, ci avremo provato.
Amici mi hanno detto: “noi ci proteggiamo morissero loro” ma il punto è che indossare la mascherina non serve solo per proteggersi ma anche per proteggere gli altri in un’ottica della tutela della collettività che progressivamente è venuta tristemente meno.
È la stessa cosa di guidare contro mano in autostrada: uccido me stesso ma anche gli altri che incontro lungo il mio folle e dissennato tragitto.
Ognuno può scegliere di vivere o di morire ed io sono anche favorevole all’eutanasia e al testamento biologico ma qui la mia libertà incide fortemente sugli altri sulla loro libertà e sulla loro salute quindi debbo essere responsabile ma è tanto difficile da comprendere ?
E non mi dite che la salute viene dopo perché è nell’art 32 della Costituzione mentre il concetto e la tutela del lavoro sono presenti dal primo articolo.
I diritti sono uguali e vanno ugualmente tutelati . Purtroppo dobbiamo scegliere tra due diritti essenziali perché c’è chi non ha rispettato e non rispetta le regole.
Con uno sforzo collettivo avremmo potuto contemperare gli interessi ossia il diritto al lavoro e alla salute, cercando di vivere con delle limitazioni ma non ne siamo stati capaci.
Questa è la triste verità.
Che amarezza.
(alessia schisano/ avvocato/ napoli

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *