Home Spettacoli Muore a quasi 90 anni Sergio Fantoni, attore gentiluomo
Muore a quasi 90 anni Sergio Fantoni, attore gentiluomo

Muore a quasi 90 anni Sergio Fantoni, attore gentiluomo

0
0

Se n’è andato senza riuscire a toccare il capo dei 90 anni (li avrebbe compiuto il 7 agosto) Sergio Fantoni, una di quelle figure capitali, ma sempre sommesse e quindi di rado mitiche, che fanno dell interpretazione un’arte tanto raffinata quanto invisibile. La notizia della sua scomparsa, venerdì 17 aprile, è stata Repubblica.
Apprezzato e incoraggiato da maestri autorevoli come Luchino Visconti, agli inizi puntò su Cinecittà dove gli fu maestro un artigiano di solida esperienza come Pietro Francisci che lo iniziò ai film spettacolari, peplum o avventura che all’inizio degli anni ’50 erano prediletti dal pubblico e attiravano a Roma anche i produttori americani.
Di lì a poco sarebbe cominciata l’epoca della “Hollywood sul Tevere” e Sergio ne avrebbe approfittato per farsi apprezzare, imparare l’inglese, creare alternative ai personaggi stereotipati dei B-movies italiani. Già nel 1954 Visconti lo chiamò per “Senso” e cinque anni dopo con “Nella città l’inferno” di Renato Castellani cominciava per Fantoni una seconda carriera nel miglior cinema italiano. Intanto a teatro era ormai un protagonista e pur approfondendo i classici o Shakespeare mostrava sempre più curiosità per gli autori moderni, da Pirandello a Beckett, da O’Neil a Tom Stoppard.
Sullo schermo è stato amato da Rossellini, Maselli, Damiani, Montaldo e molti altri, anche se la sua popolarità cresceva grazie a quasi tre anni spesi a Hollywood all’inizio degli anni ’60 lavorando con Blake Edwards e Mark Robson. E ha prestato la sua voce a divi come Marlon Brando in Apocalypse Now, Henry Fonda in Meteor, Rock Hudson in Il gigante e Ben Kingsley in Gandhi.
In quello stesso decennio Sergio Fantoni è stato anche tra i primi a capire le potenzialità della televisione e sarebbe diventato presto (alla scuola di Anton Giulio Majano) un protagonista popolarissimo dei grandi sceneggiati. Così entrò nelle nostre case per non uscirne più, tanto che la sua ultima interpretazione fu quella del maestro di violino Barreca per la prima serie del Commissario Montalbano nel 1999, nell’episodio La voce del violino. (ANSA).

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *