Home Cronaca Miracolo a Viterbo, città “turistica”, le strade si puliscono e si asfaltano a suon di chiacchiere
Miracolo a Viterbo,  città “turistica”, le strade si puliscono e si asfaltano a suon di chiacchiere

Miracolo a Viterbo, città “turistica”, le strade si puliscono e si asfaltano a suon di chiacchiere

0
0

In attesa dei milioni di turisti che, secondo le previsioni e le ricette magiche di Gigi Marzullo Mattioli, Barelli Laqualunque e I Am Chiara Frontini, dovrebbero far rotta a Viterbo, non è inutile dare uno sguardo a quello che è lo stato reale della città, centro storico incluso. La prima sensazione, visiva, uditiva e olfattiva, è di autentico sconforto, lo stesso che prova, e molto spesso esterna agli indigeni (“Bella la vostra città, ma quanto è sporca e abbandonata a sé stessa!”), il turista che coraggiosamente percorra il centro storico a piedi.

Strade e vicoli sconquassati e sporchi, erbacce e erba alta, forte odore di fogna, macchine in movimento o parcheggiate dappertutto, moto “smarmittate” spaccatimpani che imperversano liberamente, indigeni spesso e volentieri poco inclini a fornire informazioni o spesso sgarbati e, ciliegina sulla torta, monumenti e musei non sempre visitabili a causa di orari di apertura demenziali o addirittura chiusi tout court. Un biglietto da visita inequivocabile e una pubblicità negativa, se non pessima, che sicuramente non spingerà quel malcapitato turista a indicare Viterbo come meta turistica ai suoi amici, conoscenti e parenti.

E questo a fronte delle continue campagne di webgazzettini, esagitati “civici” e politicanti stra-local che inviano foto, scrivono articoli, sottoscrivono appelli e si armano di scopa e paletta per pulire laddove l’efficientissimo servizio di pulizie (appalto, non capisce perché, continuamente prorogato) non arriva o non vuole arrivare. Fino a qualche decennio fa, quando l’amministrazione comunale poteva contare su un numero esiguo di impiegati, le pulizie non erano appaltate a terzi e non esistevano le cosiddette municipalizzate, questa città era più pulita e, almeno a ridosso delle elezioni comunali, le strade venivano regolarmente asfaltate.

Ora invece The Mayor & Co, “opposizione” compresa, credono che la città si pulisca e le strade (ridotte in maniera a dir poco penosa) si asfaltino a suon di interviste e “Riceviamo e pubblichiamo” a “Zingaweb”. Il risultato sta sotto gli occhi, le orecchie e i nasi di tutti. A dar credito alla nostra screditata classe dirigente, i miracoli però sono vicini. Presto avremo un centro storico e una citta puliti e grazie ai milioni di turisti l’economia locale conoscerà un incredibile boom. E “Ci sarà da mangiare e luce tutto l’anno,/Anche i muti potranno parlare/Mentre i sordi già lo fanno”.

(Osvaldo Spengleri)

LEAVE YOUR COMMENT

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *